RSS

Il Necronomicon di Nicolas Cage (2019)

24 Ago

Nel mio recente viaggio intorno al film “Il colore venuto dallo spazio” (Color Out of Space, 2019) di Richard Stanley, disponibile su Prime Video, non ho parlato della chicca libraria in esso presente perché volevo tenermela per questo blog, dedicato al divertissement letterario.

Il protagonista del film, interpretato da NIcolas Cage, ha la figlia Lavinia (Madeleine Arthur) appassionata dell’occulto e almeno due occasioni viene inquadrato un libro da lei studiato: il Necronomicon, di cui ho già parlato.
Avrei giurato fosse un gioco, un libro falso creato per esigenze filmiche, invece… è tutto vero!

Se negli esoterici anni Settanta voi foste passati dal Warlock Shop di Brooklyn o dal Magickal Childe Bookstore di Manhattan avreste trovato un conferenziere dal solo nome Simon (sarà un riferimento al Simon Mago biblico?) che illustrava vari argomenti dell’occulto: prima di scomparire misteriosamente nel 1984 (tutti dati presi dalla biografia dell’edizione 2021!), nel 1977 SImon ha fatto in tempo a regalarci il Necronomicon, che non è la solita operazione editoriale nota anche in Italia, cioè una raccolta di racconti lovecraftiani con protagonista il celebre pseudobiblion, ma proprio un vero testo di magia.

«Nonostante tutte le polemiche, la prima edizione andò esaurita prima di essere pubblicata. E da allora il libro non è mai andato fuori catalogo. Quest’anno, lo stile originale dell’edizione del 1977 e l’editore originale hanno unito le forze per presentare una nuova edizione deluxe con copertina rigida del libro sull’occulto più temuto, più insultato e più desiderato del pianeta.»
(dall’edizione 2021)

Come fa un libro ad andare esaurito prima di essere pubblicato? Boh, misteri magici!
Edito originariamente dalla Schlangekraft (Barnes), almeno dal 1980 il testo è ristampato dalla Avon Books con sempre la stessa copertina, che evidentemente è diventata una firma: non stupisce che ancora nel 2021, due anni dopo il film di Stanley, il libro sia ancora stampato identico a come si vede fra le mani dell’attrice.

Nel racconto originale di H.P. Lovecraft, apparso su “Amazing Stories” nel settembre del 1927, non c’è alcuna menzione del libro ma è comprensibile come al momento di portare su schermo un titolo così famoso l’autore abbia voluto inserire questo delizioso rimando.

Dalla seconda edizione
Barnes 1979

Stando alla Prefazione apparsa nella seconda edizione del 1979 (consultabile interamente in Rete), tutto è nato quando l’editore L.K. Barnes è stato invitato alla libreria Magickal Childe da un tizio il cui nome è noto solo per iniziali, B.A.K., alla ricerca di qualche chicca. Barnes, ci viene spiegato, da tempo andava alla ricerca del vero Necronomicon, della cui esistenza era assolutamente convinto, malgrado Lovecraft stesso ammettesse chiaramente di esserselo inventato. Ma che ne sanno gli autori degli pseudobiblia che creano?

Scoperto questo libro di Simon, non è chiaro in quale forma, Barnes va fuori di testa e vuole assolutamente sapere tutto sul suo autore e su come abbia fatto ad avere le preziose informazioni racchiuse nel testo. L’«esotico individuo chiamato Simon» si palesa un giorno a casa di Barnes vestito tutto di nero, con una cartellina contenente materiale vario – corrispondenza con ambasciatori balcanici e una fotografia scattata da un F-104 spedita da Lussemburgo – che provano senza ombra di dubbio la bontà del materiale inserito nel suo Necronomicon. Ma che ne sanno gli ambasciatori balcanici?

Per fortuna a garantire l’alta serietà di questo incontro c’era un terzo partecipante, James Wasserman dello Studio 31, che però stando ad un santone africano sarebbe morto l’anno prima pur continuando a farsi gli affari suoi, tutto grazie alla saggezza contenuta in questo libro. Ma davvero c’è gente che crede a ’sta roba? E soprattutto la scrive per farsi prendere in giro dalle generazioni future?

Comunque, dopo l’incontro Barnes non ha dubbi: quello è il vero Necronomicon. Gliel’ha confermato un abmasciatore balcanico, una foto aerea e un tizio morto l’anno prima ma che cammina ancora per casa sua: se non sono prove schiaccianti queste! Il 22 dicembre 1977 Barnes pubblica il Necronomicon e, alla faccia degli scettici, fa un sacco di soldi e il libro è ancora ristampato, facendo fare un sacco di soldi alla Avon Book. Chiamali fessi!

Questo “vero” Necronomicon è piano di disegni e simboli che denotano estrema pigrizia grafica: ma vogliamo mettere con la bellezza del Necronomicon ex mortis di Sam Raimi?

Il Necronomicon ex mortis de “La Casa 2” (Evil Dead 2, 1987)

dal Necronomicon di Simon (Barnes 1979)

Non ho trovato tracce di edizioni italiane di questo libro, ma visto che anche nel nostro Paese gli anni Settanta e Ottanta hanno rappresentato un’esplosione potente di paranormale ed esoterismo vario, non mi stupirebbe che sia comunque uscito in qualche forma anche questo testo di Simon, magari per piccole case che non hanno lasciato tracce.

Chiudo complimentandomi con RIchard Stanley (se è stato lui) per la scelta di inserire in questa vicenda un libro falso poi diventato vero.

L.

– Ultimi “libri falsi”:

 
13 commenti

Pubblicato da su agosto 24, 2022 in Pseudobiblia

 

Tag: ,

13 risposte a “Il Necronomicon di Nicolas Cage (2019)

  1. Cassidy

    agosto 24, 2022 at 9:07 am

    RIchard Stanley è appassionato di esoterismo, quindi mi sa tanto di farina del suo sacco, in ogni caso i post sul libro falso più famoso di sempre si leggono con gran piacere, sperando di non evocare niente e nessuno 😉 Cheers

    Piace a 1 persona

     
    • Lucius Etruscus

      agosto 24, 2022 at 9:10 am

      Volevo riportare alcune delle formule magiche presenti in questo libro, ma è meglio di no: non si sa mai 😛

      "Mi piace"

       
  2. Vasquez

    agosto 24, 2022 at 11:19 am

    Per caso alcune di quelle formule iniziano con “klatoo barada…qualcosa…”? 😛
    La giovincella nel film lo usa proprio come un manuale di istruzioni, ma non è che le giovi granché…
    Così come per il diavolo, vale anche per il Necronomicon: il suo più grande inganno al mondo è di far credere che non esiste. E poi non è che si possono contraddire un ambasciatore dei balcani, una foto aerea e un morto che cammina per casa (in ciabatte?) come se nulla fosse…😀
    Ottima e succosa trovata inserirlo nel film, e gran lavoro di indagine Lucius, come sempre 😉

    Piace a 2 people

     
    • Lucius Etruscus

      agosto 24, 2022 at 12:35 PM

      Mi ha stupito trovare una chicca del genere, quando di solito si buttano lì robe al volo, copertine generiche e poco altro. Cassidy mi dice che Stanley è appassionato dell’occulto, quindi non mi stupirebbe scoprire che quel Necronomicon è la sua copia persona, autografata dall’autore .-D
      E’ incredibile come oggi esistano ancora retaggi di un passato esoterico fatto di santoni provenienti a improbabili zone asiatiche la cui parola basta come fonte attendibile: come si fa a pretendere un minimo di senso critico dal pubblico quando stiamo ancora coi manoscritti trovati nel deserto e “convalidati” da gente improbabile? Sarebbe più credibile se dicessero “Ho trovato questo manoscritto dietro il divano”: come avverte Bergonzoni, non possiamo smentire questa frase perchè dietro il divano non ci guardiamo mai! 😀

      Piace a 2 people

       
  3. Kukuviza

    agosto 24, 2022 at 12:06 PM

    Mi vien da ridere al “ma che ne sanno gli autori dei pseudobiblia che creano?” quando uno vuole credere qualcosa, puoi dirgli quello che vuoi, se uno vuole credere, vuole credere, non c’è verso.

    Piace a 1 persona

     
    • Lucius Etruscus

      agosto 24, 2022 at 12:41 PM

      Per questo sono ridicoli quelli che cercano di dare autorevolezza ai propri “manoscritti ritrovati” inventandosi ambasciatori dei balcani o stupidate simili: tanto chi ti legge e compra i tuio prodotti crede a scatola chiusa, perché inventarsi baggianate? Eppure lo fanno tutti, hai presente quelle pubblicità che inizano con “9 dottori su 10 consigliano”… quali dottori? Chi sono? Dove hanno pubblicato questa ricerca’ E perché il decimo invece non è d’accordo? 😀
      Gli amanti del Necronomicon fanno finta di ignorare che è un librbo falso, dichiaratamente, apertamente, volutamente falso: il gioco ha senso se il libro è falso, se no che gioco è? Invece preferiscono credere che forze oscure hanno travalicato HPL, che poverello non si è reso conto dei poteri che sono passati attraverso lui. va be’….

      Piace a 1 persona

       
  4. Conte Gracula

    agosto 24, 2022 at 2:38 PM

    Mi pare che, tanti anni fa, Fanucci abbia pubblicato un Necronomicon, e non intendo una raccolta di racconti, ma un libro di magia. Non so se sia una traduzione di questo e non ricordo nemmeno se sia effettivamente Fanucci, l’editore.
    Sono sempre molto preciso 😂

    Comunque, la più grande boiata a tema Necronomicon l’ho trovata in un fumetto coreano per giuovinetti, in cui una congrega di occultisti raccoglie le energie mentali dei giocatori di ruolo e dei videogiocatori di roba a tema lovecraftiana e le condensa per materializzare il terribile grimorio.
    E la sola esistenza del Necronomicon permette di evocare quelle bestiacce (di Lovecraft ed epigoni) che fino a quel momento non esistevano! XD
    Sono contento di sapere che facendo certi giochi contribuisco all’esistenza di pseudobiblia e mostri che divorano la realtà 😂

    Piace a 1 persona

     
    • Lucius Etruscus

      agosto 24, 2022 at 2:45 PM

      Sicuramente è più interessante quella trama coreana delle opere occidentali dedicate allo pseudobiblion, che nel moento in cui si crede vero crolla tutto il fascino. Se ti ricordi il titolo di quel fumetto cerco di recuperarlo, sto pensando a fare una serie di post per ricordare le varie forme in cui è apparso il celebre grimorio 😉

      Piace a 1 persona

       
      • Conte Gracula

        agosto 24, 2022 at 3:28 PM

        È pubblicato su Webtoon e si intitola The Gamer. Se ritrovo il capitolo in cui se ne parla te lo mando, sono davvero tanti e la parte sul Necronomicon era davvero breve (non credo sarebbe di tuo gusto, come fumetto, scofanartelo tutto sarebbe roba lunga e dolorosa 😅 ma magari mi sbaglio)

        Piace a 1 persona

         
      • Lucius Etruscus

        agosto 24, 2022 at 3:31 PM

        Grazie della dritta, provo a cercarlo. Ho anche il fumetto di Alan Moore dedicato al Necronomicon da affrontare, e anche lì sarà tosta, ma verrebbe fuori una bella galleria di versioni moderne e transmediatiche del grimorio.

        Piace a 1 persona

         
      • Conte Gracula

        agosto 24, 2022 at 4:07 PM

        Ho fatto una ricerchina e ho trovato un po’ di riferimenti.
        Ogni capitolo ha due numerazioni: quella assoluta, che metto per prima, e quella relativa alla stagione. Vedi quale ti riesce più comoda per cercare screenshot succulenti (più per le enormità scritte nei balloon che per le vignette, visto che l’autore non si è sprecato granché a rappresentare il libro, di aspetto a dir poco anonimo).

        Nei capitoli 260 (da metà in poi) e 261 (solo all’inizio) il protagonista assimila il Necronomicon.
        Quarta stagione, capitoli 65 e 66.

        Nel capitolo 267 (Quarta stagione, capitolo 72) usa il Necronomicon per evocare un segugio di Tindalos. Che non era di Lovecraft, ma di Frank Belknap Long. Comunque Lovecraf la citò da qualche parte e ormai è una bestiaccia associata ai Miti di Cthulhu, a partire dai GDR.

        Mi pare che più avanti evochi anche uno Shoggoth, ma non saprei di preciso in che punto, quel webtoon è un groviglio di mitologie e cultura pop praticamente inestricabile e il fatto che sia uscito un totale di oltre 400 capitoli, e che sembri ben lungi dal finire, non aiuta a ritrovare scene specifiche 😅

        Piace a 1 persona

         
      • Lucius Etruscus

        agosto 24, 2022 at 4:29 PM

        Uau che precisione! Grazie per il servizio e per lo schema preciso, mi sarà utilissimo ^_^

        Piace a 1 persona

         
      • Conte Gracula

        agosto 24, 2022 at 5:42 PM

        Mi fa piacere sapere che potrei contribuire a un futuro post così ambizioso, specie se da un lato così improbabile 😀
        Certo, resta da vedere se ti sarà utile ciò che ho trovato 🤔

        Piace a 1 persona

         

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: