RSS

La cacciatrice scambiata (2021)

26 Ago

Con Caccia oscura (2018) avevo appena affermato che c’è roba buona fra gli autori auto-pubblicati… e subito vengo mazzolato a dovere: colpa mia, che mi lancio in affermazioni troppo frettolose.

Confesso, la grafica accattivante della copertina de “La cacciatrice scambiata” (2021) di Alyson Belle ha influito parecchio, in questo mio viaggio fra le cacciatrici, così come era irresistibile la brevità del testo – una settantina di pagine, a seconda dei lettori – che evitava a priori gli immondi sproloqui che infestano la narrativa di genere. Mi aspettavo un raccontino divertente per farsi qualche sghignazzo, e devo essere onesto: all’inizio qualche sghignazzo me lo sono fatto davvero, quando sembrava che esistesse una trama.

Con pochissime parole di spiegazione (come piace a me) l’autrice ci tuffa subito nell’azione, con protagonisti Alex e la sua amica Nadine cacciatori di vampiri: non ci viene raccontata la loro infanzia e ci vengono risparmiate le mille pagine che un qualsiasi autore avrebbe buttato via a parlarci dei loro traumi infantili. Sono cacciatori di vampiri, la frase spiega tutto.
Appena inizia l’azione, appena Alex entra in una stanza e comincia a sparare ai vampiri… scopre che non erano vampiri, bensì adoratori di un culto che lui ha interrotto finendo vittima di un mezzo incantesimo. Per un errore di intelligence, Alex viene colpito dal mezzo incantesimo… e viene trasformato in donna!

Esce fuori che un’antica regola vuole che la Cacciatrice sia sempre donna, anche se è uomo, quindi Alex per errore viene insignito di una “carica” che prevede obbligatoriamente la femminilità: perciò il suo corpo ora è completamente femminile. Non si fa in tempo a sghignazzare, sia per la trovata sia pregustando la “commedia degli errori” che può nascere dalla situazione, che il racconto cambia totalmente genere. Un istante dopo questa mutazione inaspettata Alex già non è più interessato al suo vecchio corpo.

Credo sia naturale e addirittura scontata la curiosità che nasce in Alex, il cui cervello è ancora “maschile”, di esplorare il suo nuovo corpo, ma diventa subito chiaro al passar delle pagine che quella sarà l’unica trama del racconto. E la situazione sale di livello quando piomba in stanza l’amica Nadine, per nulla stupita di tutta la situazione, e come ogni amica farebbe (?) dà una mano ad Alex alla scoperta di ogni più minuzioso particolare dell’anatomia genitale femminile. Alla fin della tenzone, Alex scopre una insaziabile voglia di qualcosa che di solito i maschi etero non vorrebbero dentro di sé, e guarda caso esce fuori che in quanto Cacciatrice dovrà affrontare Diablo, super-vampirone maschione la cui “dimensione artistica” ci viene descritta nei minimi particolari.

Insomma, è chiaro che di vampiri e cacciatrici qui non frega niente a nessuno, è tutta una scusa per descrizioni clinicamente particolareggiate di organi genitali, in situazioni che onestamente non mi sembrano avere nulla di erotico, essendo più simili ad un manuale di anatomia comparata.

Nelle pubblicità finali degli altri suoi titoli, l’autrice si definisce interessata alla «transizione di genere», ma qui non c’è alcuna transizione: c’è un uomo in un corpo da donna che diventa immediatamente donna, senza alcuna transizione o altra spiegazione. Temo che il vero argomento principe di questi libri sia la pornografia scritta. Per carità, è un genere come gli altri, ma spacciarlo per altro è solo un trappolone.

L.

– Ultime recensioni:

 
4 commenti

Pubblicato da su agosto 26, 2022 in Recensioni

 

Tag:

4 risposte a “La cacciatrice scambiata (2021)

  1. Kukuviza

    agosto 26, 2022 at 8:35 PM

    ho dato uno sguardo ai libri di sta tipa e mi sembra leggerissimamente monotematica, sempre sti uomini che si ritrovano in corpi di donne sexyssime… vabbè, che dire? a ognuno le sue!
    ahahha me la immagino la dimensione artistica del maschione vampirone!

    Piace a 2 people

     
    • Lucius Etruscus

      agosto 26, 2022 at 8:41 PM

      L’autrice non lascia nulla all’immaginazione 😀
      E sì che lo spunto era divertente, con il rude cacciatore di vampiri trasformato in biondona prosperosa, ma l’obiettivo dell’autrice era tutt’altro. Peccato.

      "Mi piace"

       
      • Kukuviza

        agosto 26, 2022 at 8:54 PM

        probabilmente la cacciatrice era una semplice variazione sul tema infermiera, dottoressa, professoressa, ecc..

        Piace a 1 persona

         
      • Lucius Etruscus

        agosto 26, 2022 at 9:00 PM

        ahahah sì, mi sa tanto… 😛

        "Mi piace"

         

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: