RSS

Archivi tag: cinescrittori

[Pseudobiblia] Woman on the Run (2017)

Negli ultimi tempi Rai2 sta comprando a secchiate tutti quei minuscoli e infinitesimali filmettini televisivi canadesi che sembrano rappresentare l’unica realtà televisiva americana. Di quelli action e catastrofici parlo nel Zinefilo, qui mi concentro su quelli “librari”.
Un’altra titanica categoria di questi filmettini è quella “babysitter assassina”: ne esistono a valanghe, malgrado il buon gusto faccia pensare ad un numero limitato di trame sull’argomento.

Il 5 luglio 2019 Rai2 ha recuperato una deliziosa opera che non potevo lasciarmi sfuggire, Woman on the Run di Jason Bourque, regista specializzato in filmacci catastrofici: ecco i suoi film che ho recensito nel Zinefilo.
Perché definisco “deliziosa” un’operazione nata dalle mani di un regista terrificante, specializzato in stupidate? Perché gioca con riferimenti, autori e libri, e questa è sempre cosa buona e giusta.

Rai2 ha presentato il film sulle guide TV con il titolo Chi ha rubato la mia vita?, ma per motivi misteriosi l’ha trasmesso senza titolo, facendolo iniziare un fotogramma dopo la fine del film precedente. Io stavo lì, con il tasto sul REC del telecomando e non sono riuscito a capire che stava iniziando il film: sembravano i titoli di coda del precedente!
E sì che la Rai non difetta certo in pubblicità, almeno uno spottino poteva usarlo per separare le due trasmissioni…

Read the rest of this entry »

 
8 commenti

Pubblicato da su luglio 15, 2019 in Pseudobiblia

 

Tag: ,

Black Butterfly (2017)

Domenica prossima, 14 luglio 2019, su Rai3 andarà in onda alle 21.20 il film Black Butterfly di Brian Goodman: ne approfitto per parlarne così, se dovesse interessare, sapreste dove e quando recuperarlo.

Uscito in patria americana il 26 maggio 2017, la Notorious Pictures lo porta subito nelle nostre sale il 23 luglio successivo, con lo stesso titolo (fonte: ComingSoon.it), e poi nel dicembre successivo lo porta in DVD e Blu-ray.

Malgrado non venga specificato nei titoli – il che è abbastanza grave – IMDb ci informa che il film è il remake americano del francese Papillon Noir (2008) di Christian Faure, la cui sceneggiatura di Hervé Korian viene in questo caso rimaneggiata da Justin Stanley e Marc Frydman, che non sono proprio due sceneggiatori professionisti.

Pablo “Paul” Lopez (Antonio Banderas) è uno scrittore spagnolo trapiantato in America per inseguire un sogno di successo che si è sciolto velocemente al sole, ma la sua storia la lascio raccontare a lui.

Read the rest of this entry »

 
7 commenti

Pubblicato da su luglio 12, 2019 in Pseudobiblia

 

Tag: ,

La signora del faro (2006)

Sterminata è la produzione tedesca di film romantici per la TV ispirati ad Inga Lindström, pseudonimo con cui la scrittrice Christiane Sadlo ha firmato alcune opere letterarie (inedite in Italia) ma soprattutto sceneggiature a secchiate.
Si aggira sugli ottanta episodi la serie “Inga Lindström” ancora oggi in produzione, con i suoi quindici anni di storie romantiche per sognare: potevano mancare due classici espedienti letterari come il “guardiano del faro” e il “liro falso”? Vogliamo fare filotto? Aggiungiamoci pure lo scrittore senza più idee…
Curioso che di pseudobiblia ne parlino molto di più le storie d’amore che quelle dell’orrore, malgrado siano state loro a lanciarli nell’immaginario comune.

Il canale televisivo CineSony da anni ogni giorno trasmette almeno due di questi film televisivi, a getto continuo e a ripetizione automatica, così scoperto per caso che uno di questi parlava di un faro e di libri ho dovuto aspettare molto poco per una replica, arrivata il 31 maggio 2019.
Sto parlando de “La signora del faro” (Die Frau am Leuchtturm, andato in onda originariamente il 10 settembre 2006) di Andi Niessner, sceneggiato da Christiane Sadlo e quindi da Inga in persona!

Read the rest of this entry »

 
10 commenti

Pubblicato da su giugno 21, 2019 in Pseudobiblia

 

Tag: , ,

The Wife: vivere nell’ombra (2018)

Dopo aver visto il film dello svedese Björn Runge (in DVD Videa), rimanendo interdetto sul giudizio da dargli, ho voluto leggere il romanzo “The Wife: Vivere nell’ombra” (The Wife, 2003) di Meg Wolitzer (Garzanti 2018), adattato da Jane Anderson per il cinema. Continuo a rimanere interdetto…

Mentre il film cerca di rimanere più “oggettivo”, la storia del romanzo è interamente narrata da Joan Castleman (interpretata su schermo da una Glenn Close brava ma non bravissima), una donna d’altri tempi che forse viene utilizzata dall’autrice per parlare di una certa “famiglia classica” che troppo spesso viene data per scontata. Dico “forse” perché il messaggio non è così chiarissimo come magari si potrebbe pensare.
Joan è una moglie, lo dice già il titolo, e questo nella metà del Novecento comporta un apparato di doveri morali e sociali molto ben codificati: se una moglie d’un tratto volesse vivere una vita che le piace, invece di essere l’ombra del marito, sappiamo già quale sarebbe il giudizio della società. E con “società” intendo il giudizio spettegolante delle altre mogli.
Quindi è questo il tema del romanzo? La condizione della donna com’è stata già studiata dalla rivoluzione sessuale ad oggi? No, perché questo vorrebbe dire qualcosa di costruttivo: la Wolitzer è più sbrigativa. È colpa dei maschi, quegli zozzi che non sono altro…

Read the rest of this entry »

 
3 commenti

Pubblicato da su giugno 14, 2019 in Recensioni

 

Tag:

Il caso Michael Peterson (2007)

Mario Baudino l’ha ampiamente dimostrato: Ne uccide più la penna, gli scrittori possono essere assassini come tutti gli altri.
Nel mio consueto viaggio nei film televisivi trasmessi in esclusiva da TV8 e CineSony recupero un titolo registrato da quest’ultimo canale l’8 ottobre 2018, quindi da lungo tempo in attesa.
Un piccolo film tratto da un brutto fatto di cronaca vera: niente “libri falsi”, ma i libri c’entrano sempre.

Alle 2.40 del 9 dicembre 2001 l’operatrice del 911 Mary Allen riceve la telefonata di Michael Peterson, 1810 Cedar Street, Durham.

— Mary: «Che succede?»
— Michael: «Mia moglie ha avuto un incidente, respira ancora!»
— Mary: «Che tipo di incidente?»
— Michael: «È caduta dalle scale. Respira ancora, correte!»

La conversazione va avanti, Michael ritelefonerà quando scoprirà che la donna non respira più: Kathleen Peterson muore ai piedi della scala di casa. Un luogo che darà il nome al “mistero”, perché appena la polizia arriva nasce subito il sospetto che non sia stato affatto un incidente, e tutto fa pensare ad un omicidio.
Nasce il nome che rimane attaccato al caso: “The Staircase Murders“. (Non chiedetemi perché quel plurale, visto che l’omicida è sempre stato indicato in una persona sola).

Read the rest of this entry »

 
Lascia un commento

Pubblicato da su maggio 17, 2019 in Recensioni

 

Tag:

[Pseudobiblia] Un fidanzato da manuale (2014)

Nell’altro mio blog, Il Zinefilo, parlo spesso dei film televisivi comprati e tradotti in esclusiva da TV8 e CineSony, e di come questi siano esclusivamente storielline d’amore, a parte qualche piacevole parentesi action-thriller.
Essendo questi titoli introvabili in Italia se non nei passaggi televisivi di questi due canali, vale sempre la pena buttarci un occhio, soprattutto quando parlano di libri e scrittori.

Così non ho potuto resistere a “Perfect on Paper“, film televisivo risalente al 20 settembre 2014 e trasmesso in esclusiva italiana da TV8 il 12 marzo 2019 con il titolo Un fidanzato da manuale.
Quella prima trasmissione in realtà l’ho mancata, mi sono limitato a prendere il titolo per la mia collezione di “Italian Credits” e non mi sono interessato alla trama: scoperto che parlava di uno pseudo-scrittore, ho atteso un nuovo passaggio del film e questo è arrivato il 28 aprile 2019.

È mai esistita una casa editrice gestita da uomini, nell’immaginario filmico? L’ultima che ho incontrato risale al 1947 di Sogni proibiti con Danny Kaye: da allora ho incontrato solo donne. È un’operazione di “pari opportunità” per non sembrare maschilisti o rispetta la realtà dei fatti? E ovviamente editrici donne pubblicano romanzi per donne: siamo sicuri che si tratti di “pari opportunità” e non un “ghetto” ideologico?

Read the rest of this entry »

 
8 commenti

Pubblicato da su maggio 10, 2019 in Pseudobiblia

 

Tag: , ,

[Pseudobiblia] Mr. Write (2016)

Dall’inizio del 2019 sto racconto, sul mio blog “Il Zinefilo“, l’oceano di minuscoli film televisivi che emittenti come CineSony e TV8 (ma anche RaiMovie!) hanno comprato per riempire i palinsesti di immagini in movimento che ad un occhio distratto potrebbero sembrare film: in realtà sono la parte più spinta del termine “genere”.
Emozioni esagerate, personaggi stereotipati, trame banali e superficiali fino alla nausea: ecco giusto qualche elemento contraddistintivo di questi film.

Visto che il romance dozzinale e sdolcinato rappresenta il 99% di questa produzione, potevano mancare gli pseudobiblia? Esiste al mondo una donna che dica di non amare i libri? (Che poi sia vero è un altro discorso.) Quindi una storia pensata unicamente per un pubblico femminile deve avere per forza un libro nel suo armamentario, ed anche uno scrittore bello con cui giocare. (E pure un cane, già che ci siamo…)
Questo è il caso di “Mr. Write” della Lighthouse Pictures, andato in onda in patria americana il 1° ottobre 2016 e trasmesso in prima visione da TV8 il 18 febbraio 2019 con lo stesso titolo.

Read the rest of this entry »

 
9 commenti

Pubblicato da su aprile 8, 2019 in Pseudobiblia

 

Tag: , ,

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: