RSS

Pseudobiblia, She Wrote (1)

08 Nov

Jessica Fletcher, interpretata da Angela Lansbury, è forse la più nota delle pseudo-autrici della TV: è il momento di studiarne la bibliografia falsa!

So che esistono molti elenchi di “libri falsi” della Fletcher in Rete, così come molte altre informazioni, ma ho scelto volutamente di non seguirle per non farmi influenzare: quello che leggete viene direttamente dalla “fonte”.


Pseudobiblia, She Wrote
I “libri falsi” di J.B. Fletcher
(prima parte)

J.B. Fletcher nasce il 30 settembre 1984, quando nelle TV americane va in onda “The Murder of Sherlock Holmes” di Corey Allen, vero e proprio film che presenta un’arzilla vedova di Cabot Cove che insegna lingua inglese alla scuola locale.
Questo giustificherebbe la presenza di un dizionario Webster’s vicino al telefono…

… ma se insegna inglese, perché i suoi allievi hanno un manuale di italiano?

The Classic Italian

Scritta e creata da Peter S. Fischer, Richard Levinson e William Link, l’instancabile signora Fletcher – l’attrice ha 59 anni al momento della messa in onda, quindi possiamo considerarla anche l’età del personaggio – fa la vita ruspante e tonificante della tranquilla provincia, ed è talmente instancabile che oltre alle mille attività giornaliere… ha pure trovato il tempo per scrivere “per gioco” un romanzo.
Suo nipote Grady (Michael Horton) lo legge e se lo porta nella rutilante e pericolosa Chicago, dove lo fa leggere ad un editore che subito lo vuole stampare: da comare di paese, Jessica si ritrova romanziera da bestseller!

Probabilmente l’unica libreria di Cabot Cove

Il suo romanzo “The Corpse danced at Midnight” (il cadavere ballò a mezzanotte) è all’ottavo post della classifica dei più venduti: non è chiaro se solo a Cabot Cove o in tutto lo Stato.

L’entusiasmo del librario

Inizia un tour promozionale a Chicago con relativa satira dei media, dei giornalisti e della TV in generale. Non manca una seduta di autografi con gente che in realtà compra il romanzo in attesa che l’autrice diventi famosa, così da fare una facile speculazione economica.

La sorpresa di chi scala in breve le vette dei bestseller

Non mancano certo i problemi: un’autrice che di punto in bianco si ritrovi in vetta alle classifiche può ben sopportare… un paio di baffi!

I problemi della notorietà

Il film arriva tardi in Italia – su Raiuno, in prima serata il 1° giugno 1988, con il titolo “Chi ha ucciso Sherlock Holmes?” – ma in patria spopola subito e decreta l’inizio della relativa serie TV, com’era usanza dell’epoca. Negli anni Ottanta la differenza fra TV movieTV show era sottile e un gran numero di quelli che noi chiamiamo “telefilm” nascevano o si sviluppavano in film televisivi. (Trasmessi sempre a casaccio dalle nostre emittenti.)

Sette giorni dopo questo film televisivo – quindi la cosa era stata pianificata in partenza – va in onda in patria “Deadly Lady” (7 ottobre 1984), primo episodio della serie TV “Murder, She Wrote“, la cui celebre sigla ripropone sequenze prese dal precedente film.
Annunciata come in arrivo sulla RAI già dal 13 luglio 1987, in realtà qualcosa va storto e per l’arrivo in Italia del personaggio bisogna aspettare il citato 1° giugno 1988 per l’esordio di una serie che da allora si intitola “La signora in giallo“, in onda ancora oggi su Rete4 in pratica senza interruzioni.

Il primo passaggio televisivo italiano del primo episodio è del 29 giugno 1988, sempre su Raiuno, con il titolo “Delitto a Cabot Cove“.

Un semplice ticchettio sulla macchina da scrivere ci informa velocemente che Jessica è una romanziera, ma la cosa sembra già essere data per scontata sebbene siamo al primo episodio.
Va via la luce e la signora deve accendere una lampada per continuare a scrivere, così che vediamo alcuni libri su un tavolino: in casa Fletcher non esistono biblioteche, a quanto pare…
L’unico libro di cui si può leggere il titolo è quello all’estrema destra, e lo segnalo perché… è uno degli pseudobiblia della Fletcher!

Dirge for a Dead Dachshund

L’ospite Ralph (Howard Duff) nota il libro il giorno dopo, e dopo aver affermato di averlo adorato scopre con piacere che l’autrice è proprio la donna che lo sta ospitando in casa. Il romanzo è “Dirge for a Dead Dachshund“, titolo-scioglilingua che credo si possa tradurre con “Nenia per un bassotto morto”. (Che c’entri la mucca in copertina non saprei dirlo…)

Aspetta, io questa romanziera l’ho già vista…

Il problema è che il libro esce fuori essere una “copia di lavorazione”, non è ancora uscito in libreria: come ha fatto il gentile ospite della Fletcher a leggerlo? Ovviamente non l’ha fatto: era semplice piaggeria, perché sa bene che ai romanzieri piace ricevere complimenti, soprattutto se falsi.

Quindi ad inizio serie sappiamo che la nostra eroina, che si firma sempre e solo J.B. Fletcher, ha esordito con “The Corpse danced at Midnight“, ha in casa una bozza del plausibilmente imminente nuovo romanzo “Dirge for a Dead Dachshund” e la sua attività serale di scrittura fa pensare che un terzo titolo sia in cantiere.
Splendido, ma allora… perché nel secondo episodio allora viene presentata così?

«La famosa scrittrice di gialli: è l’autrice di sei bestseller e un film da un suo libro.»

Sei? E quando li ha scritti? Purtroppo non abbiamo altri indizi dall’episodio 1×02 “Birds of a Feather” (14 ottobre 1984), trasmesso in Italia da Raiuno il 15 giugno 1988 con il titolo “Delitto al Night“.

(continua)

L.

– Ultimi post simili:

 
7 commenti

Pubblicato da su novembre 8, 2017 in Pseudobiblia

 

Tag:

7 risposte a “Pseudobiblia, She Wrote (1)

  1. Conte Gracula

    novembre 8, 2017 at 9:33 am

    Mi piace sulla fiducia, oggi mi tocca saltare la parte blog della colazione, ma sappi che, come dicono i cattivi, tornerò!

    Piace a 1 persona

     
  2. Conte Gracula

    novembre 8, 2017 at 1:06 pm

    Ah, ci son cresciuto, con la Fletcher! Eppure non credo di aver visto il film, mannaggia a me (agita il pugno)…
    La vagonata di pseudobiblia mostrati in questa serie è spropositata, tra quelli scritti dalla Fletcher e quelli di altri personaggi della serie.

    En passant, dai un’occhiata a queste spassose infografiche sulla Fletcher, se ti va 😉

    https://www.google.it/amp/s/violascintilla.wordpress.com/2016/11/16/signora-in-giallo-infografiche-jessica-fletcher/amp/

    Piace a 1 persona

     
  3. Ivano Landi

    novembre 9, 2017 at 9:10 am

    La serie più assurda dell’intera storia della televisione, per quel poco che mi è capitato di vederne. Con sospensione dell’incredulità richiesta ben oltre la soglia del tollerabile. Ma tu hai visto tutti gli episodi? 😀

    Piace a 1 persona

     
    • Lucius Etruscus

      novembre 9, 2017 at 9:13 am

      Purtroppo in casa era una serie molto amata, quindi ho visto ogni episodio tipo dieci volte. Anche perché prima la RAI e poi Rete4 lo trasmettono ininterrottamente ogni giorno dal 1984!
      Purtroppo quando mi è nata la passione per gli pseudobiblia ormai ero riuscito ad allontanarmi dalla serie: come si fa però a resistere dai “libri falsi” della Fletcher? ^_^ Non garantisco che sarà una rubrica regolare, ma piano piano si fa tutto…

      "Mi piace"

       

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: