RSS

[Pseudobiblia] Tra le pagine della pazzia (2018)

23 Giu

È inarrestabile la parata di cine-scrittori e pseudobiblia offerti dai filmetti che TV8 e RAI importano a piene mani: oggi tocca a “Tra le pagine della pazzia” (The Danger of Positive Thinking, 2018) di Sam Irvin, che trovate ancora su RaiPlay, anche se non so per quanto.

Lorna Sisco (Nicky Whelan) è una di quelle scrittrici motivazionali che la narrativa americana ci ha insegnato riscuotere molto successo tra i lettori, i quali amano essere guidati nella vita da qualcuno che non li conosce e quindi rischia di dare consigli sbagliati.

Grazie ad una presentazione libraria, conosciamo subito almeno quattro ghiotti pseudobiblia firmati dall’autrice: “Love & Betrayal“, “Choices & Change“, “Dreams vs Goals” e “Building Off the Past“. Quest’ultimo è protagonista della vicenda del film.

«Solo se smettiamo di odiare e di giudicare, se riusciamo a ignorare l’odio degli altri, il giudizio degli altri, soltanto allora potremo davvero conquistare la felicità.»

Spacciando ovvie banalità e vuoti qualunquismi, come temo sia la regola per i manuali di auto-aiuto, Lorna fa il botto di vendite, anche se le solite arpie invidiose fanno notare come abbia due matrimoni all’attivo e moralizzi sulla perfetta vita di coppia.

Malgrado i consigli della Sisco sembrino decisamente innocui, il film si apre su un evento tragico scatenato proprio dal libro “Building Off the Past“, il cui ottavo capitolo è dedicato all’annunciazione del divorzio:

«Elimina un legame con il tuo passato: uno solo, magari un oggetto. Ti renderai conto che non ha valore, è solo una cosa. Ma se la distruggi, rafforzi la decisione. Se vuoi lasciare un lavoro, o lasciare una persona, annuncia il tuo divorzio: puoi farcela. Brucia ciò che ti lega.»

Seguendo questo consiglio vediamo una donna decidersi a chiedere il divorzio al marito, che non la prende bene, prende invece il fucile e spara alla moglie, prima di suicidarsi. Già abbiamo capito che la figlia della coppia comincerà a perseguitare l’autrice, dando a lei la colpa dell’evento luttuoso.

Per prepararti al divorzio…

… serve un manuale di Lorna Sisco

Il resto del film è di una noia mortale, perché banale, scritto male e recitato peggio, da attori totalmente svogliati. La giovane si insinua nella famiglia della Sisco seducendo il di lei figlio, e tutto il resto va fotocopiando qualsiasi altro thrillerino già esistente, senza una sola nuova idea da sfoggiare.

Sempre seguendo la totale mancanza di originalità, anche questa storia – come tutte le altre che implicano un cine-scrittore – finisce in un libro, “It’s Not Your Fault!“, che la Sisco scrive per sfruttare la sua brutta avventura.

La tematica è interessante, perché di solito se si fornisce un consiglio sbagliato poi è facile che la persona in questione ce lo rinfaccerà, ma chi chiede conto degli eventuali consigli sbagliati dei tantissimi libri di auto-aiuto che escono ogni anno? Per fortuna contengono solo ovvie banalità del tutto innocuo, altrimenti potrebbero creare qualche problema.
Questo film non era ovviamente interessato alla questione, è solo un pessimo prodotto di serie Z impreziosito da ghiotti pseudobiblia.

L.

– Ultimi cine-scrittori:

 
Lascia un commento

Pubblicato da su giugno 23, 2021 in Pseudobiblia

 

Tag: ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: