RSS

Cacciato da Facebook!

24 Nov

no-facebookDopo più di otto anni di frequentazione quotidiana, è bastato un solo giorno a Facebook per decidere che il mio nickname non va bene e cacciarmi dal celebre social network.
Ovviamente “cacciare” non è esatto: se decido di sottomettermi alle ridicole esigenze degne di uno stato di polizia posso rientrare subito e riavere otto anni di vita digitale che per ora sono sospesi. Non sono certo un attivista politico né arde un fuoco rivoluzionario dentro di me, ma quando un software di cazzeggio e di fancazzismo pretende che io fornisca la mia carta d’identità o un documento analogamente valido… be’, a me dà parecchio fastidio.

Facebook vuole che io dimostri che sono io, come dal notaio: con l’unica differenza che quando sono stato dal notaio è stato molto più gentile.
Facebook vuole che io esibisca un documento valido come se fosse un pubblico ufficiale, ma quando è successo i pubblici ufficiali sono stati molto più gentili.
Peccato che Facebook non sia né un notaio né un pubblico ufficiale: è una stupida interfaccia grafica che fa litigare la gente, tutto qui. Forse si è montata un po’ la testa…

Tutto questo non nasce per “cattiveria”, ovviamente, a Facebook per otto anni non è fregato nulla di me, solo che ora sono aumentati sensibilmente i coglioni che la infestano: coglioni che segnalano tutto e tutti e Facebook, che non ha certamente voglia di “indagare”, dà per buona ogni denuncia.

Sarebbe bello poter affermare di essere caduto vittima degli hater, gli “odiatori” che passano il tempo girando in rete e segnalando abusi a raffica. Sarebbe dignitoso. Temo invece che ad avermi denunciato – proprio come in uno stato di polizia – siano quelle persone che invece credono sul serio nelle stupidate che pensano, quei genitori che abbandonano i figli con tate e parenti per poi lamentarsi che non ci sono posti sicuri in rete (magari se passasse cinque minuti del vostro tempo a spiegare ai vostri figli come si naviga, scoprireste che molti pericoli si potrebbero evitare facilmente); i denunciatori folli che vanno in giro a cercare “gruppi strani” per poi urlare che sono pericolosi (basterebbe non cercarli, certi gruppi, e scoprireste che non rappresentano alcun pericolo); quelli che si preoccupano per la morale pubblica perché pensano che tutti siano sporchi come loro, e via dicendo.

Dopo otto anni di uso quotidiano vi assicuro che Facebook ha raggiunto livelli di sporcizia davvero epocali: la “gente onesta” che lo bazzica è la più pericolosa che esista, perché si fa un vanto di andare a rompere le palle a chi non fa alcun male e poi si vanta di aver “pulito” in giro. La sottile arte del “farsi i cazzi propri” è sconosciuta ai paladini della giustizia: sono i “moralisti” il vero pericolo di internet, non i maniaci.
Navigo quotidianamente in internet dal 1997 e in quasi vent’anni di “carriera” non sono stato MAI contattato da maniaci, nazisti, razzisti e via dicendo. Poi invece arriva il moralizzatore che dopo cinque minuti on line dice di aver trovato un gruppo nazista che offende la sua sensibilità, così l’ha segnalato e fatto chiudere. Magari se avesse evitato di cercarlo, la sua sensibilità sarebbe ancora intatta e la libertà di parola in un Paese che dovrebbe garantirla sarebbe ancora rispettata.

Perché per quanto sgradevoli e biasimevoli, anche le persone che la pensano diversamente da noi hanno il diritto di parola, finché non violano la legge. O comunque finché non si comportano in modo inappropriato. Vi assicuro che le persone “biasimevoli” non vanno in giro ad importunare gli altri: è più facile che vi dia fastidio un cafone che un nazista o un maniaco. Di solito queste due categorie le va a cercare espressamente “la persona per bene”.

Facebook purtroppo – e sottolineo purtroppo – è ormai una vera e propria dittatura, dove “le persone per bene” fanno la ronda a controllare che le opinioni espresse siano di loro gradimento, e qualora non lo siano… una bella denuncia anonima, proprio come sotto il nazismo. Forse dovremmo tutti denunciare le “persone per bene”, la vera peste bruna del Duemila…

Tutto questo per dire che non mi trovate più su Facebook: sono al momento troppo indignato del suo comportamento dittatoriale per tornare a farne parte, per poi vedere tante “persone per bene” che sono sempre lì pronte a denunciarti se non scrivi qualcosa che sta loro bene.

Se quindi mi cercate, mi trovate in tutti gli altri social, anche se non li bazzico spessissimo.

Chiudo notando che ovviamente dei più di 500 “amici” di Facebook non è che avessi contatti proprio con tutti, però diciamo che una ventina di amici stretti li conservavo da circa otto anni: mi ha rattristato non ricevere neanche una mail da loro, per sapere che fine avessi fatto. Invece mi ha fatto piacere ricevere l’appoggio di nuovi amici, tutti blogger: credo che chi è abituato a raccontare le proprie opinioni tutti i giorni, come appunto i blogger, sia molto più tollerante con quelle degli altri, quindi mi fregio dei miei nuovi amici bloggari ^_^

L.

Annunci
 
46 commenti

Pubblicato da su novembre 24, 2016 in Uncategorized

 

46 risposte a “Cacciato da Facebook!

  1. Ivano Landi

    novembre 24, 2016 at 8:21 am

    Ma cosa hai combinato di così terribile? Io diffondo un sacco di roba tutt’altro che allineata, ma finora non mi si è mosso contro nessuno.

    Liked by 1 persona

     
    • Lucius Etruscus

      novembre 24, 2016 at 8:26 am

      Perché tu usi il tuo nome, io invece con uno pseudonimo faccio nascere sospetti. E visto che in questo periodo Facebook ha dichiarato guerra agli pseudonimi, è bastata la denuncia di qualcuno per finire sotto l’occhio indagatore.
      Potrei pensare al mio speciale sui fumetti erotici che potrebbe aver scandalizzato qualche solerte genitore, ma in realtà è più facile sia la banale delazione di uno dei miei “amici” a cui non sono simpatico. Che invece di togliermi l’amicizia ha preferito farmi affossare: è anche per questo che sono disamorato di questo social così ricco di asocialità…

      Mi piace

       
  2. zoon

    novembre 24, 2016 at 9:55 am

    fb non è mai stata la mia vetrina in rete, lo ammetto, ma da mesi a questa parte lo uso solo per sbirciare alcune – poche – cose che mi interessano, perché obiettivamente fb è un collettore di merdate ma anche di qualche cosa di interessante. la mia vetrina resta il mio blog, oppure un incontro live con i lettori, oppure un programma musicale con cui interfacciarsi, e fb non ha proprio nessun valore, a parte qualche cazzeggio o flame che si consuma lì perché la gente, in qualche modo, deve sfogarsi. per il momento, io li ho perculati, ma prima o poi torneranno a bussare anche a me: perculali anche tu, in modo sottile, finché dura fa verdura, poi se ne dovranno fare una ragione e lasciarti andare per il mondo digitale 😉

    apprestissimo!

    Liked by 1 persona

     
    • Lucius Etruscus

      novembre 24, 2016 at 10:00 am

      Ci ho provato, ho cambiato nome e per qualche ora è sembrato funzionasse; ho mandato la pagina Amazon con i miei libri in vendita per dimostrare che è un nickname “ufficiale”, ma non è servito a niente: vogliono la carta d’identità come un posto di bloco, e questa cosa mi infastidisce parecchio…

      Liked by 1 persona

       
      • zoon

        novembre 24, 2016 at 11:17 am

        che si rosolino nell’olio aromatico…

        Liked by 1 persona

         
  3. Cassidy

    novembre 24, 2016 at 10:47 am

    Sai come la penso sul Faccialibro, più essere utile oppure lo specchio del peggio della sopravvalutata razza umana.

    L’altro giorno ha chiesto anche a me una verifica sul nickname, ho chiuso la pagine (ero di fretta) e mi sono poi connesso nuovamente la sera, quando mi ha chiesto i documenti ho chiuso di nuovo, non so bene come, ad un certo punto ho iniziato a schiacciare quasi a caso e mi ha lasciato comunque collegare, per ora pare averla digerita così, in ogni caso la penso come te, un programma che si è montato la testa, proprio come (troppi) di quelli che lo utilizzano.

    Mi sembra assurda questa politica, Internet è fatta di Nickname, nei blog, nei forum, spero che tu riesca a risolverla, se proprio va male, ti leggerò sui tuoi blog come faccio sempre, li nessuno chiede i documenti 😉 Cheers!

    Liked by 1 persona

     
    • Lucius Etruscus

      novembre 24, 2016 at 10:55 am

      Neanchd gli altri social chiedono niente, ma solo perché molto meno frequentati di Facebook: quando la “gente per bene” arriverà anche lì allora cominceranno gli stermini di massa…

      Mi piace

       
  4. Il Moro

    novembre 24, 2016 at 1:28 pm

    Assurdo. Assurdo che Facebook si atteggi a stato di polizia, e altrettanto assurdo che qualcuno ti abbia segnalato. Manco stessi usando Facebook per organizzare una rapina.
    Io quando posso ti condivido così imparano. 🙂

    Liked by 1 persona

     
    • Lucius Etruscus

      novembre 24, 2016 at 1:48 pm

      Ti ringrazio, è la miglior vendetta ^_^
      Proprio questa atmosfera da totalitarismo mi infastidisce molto e mi fa desistere dal reiscrivermi con il mio nome.

      Mi piace

       
  5. Mario [Western Campfire]

    novembre 24, 2016 at 1:36 pm

    Ciao Lucius, ma io ti vedo tranquillamente su Facebook, o perlomeno fino a ieri o due giorni fa sembrava tutto tranquillissimo (a parte il cambio di una lettera nel tuo nick). Mi spiacerà non vederti più lì, anche perchè è l’unico social che uso che allora come terrò conto dei tuoi post? Un abbraccio e spero a sentirci presto!
    Mario

    Liked by 1 persona

     
    • Lucius Etruscus

      novembre 24, 2016 at 1:53 pm

      Proprio da ieri mattina non sono più on line e credo non si vedano più i miei post.
      Per essere sempre aggiornato sulle mie attività basta che ti iscrivi ai miei blog WordPress: NonQuelMarlowe (bibliofilia e chicche varie), Archivi di Uruk (database di narrativa di genere) Il Zinefilo (filmacci di ogni tipo) e vari altri blog più specifici su altri argomenti. I post su facebook si creavano in automatico a partire dalla mia attività su Worpress, che rimane la mia principale 😉
      Ciao e grazie d’essere passato ^_^

      Mi piace

       
  6. Mala Spina

    novembre 24, 2016 at 2:25 pm

    nuooooo!
    Maremma cane come sono stati veloci!

    Liked by 1 persona

     
    • Lucius Etruscus

      novembre 24, 2016 at 2:37 pm

      Ho provato il “trucco dell’autore pubblicato” ma è rimbalzato ampiamente: magari se avessi venduto più copie… 😀

      Mi piace

       
      • Mala Spina

        novembre 24, 2016 at 2:46 pm

        ma gliel’avevi mandata la carta d’identità sì o no? 😀

        Liked by 1 persona

         
      • Lucius Etruscus

        novembre 24, 2016 at 2:47 pm

        No, perché altri mi hanno detto che a loro, appena consegnato il documento, è stato immediatamente cambiato il nome del profilo, senza domande o altre discussioni…

        Mi piace

         
  7. loscalzo1979

    novembre 24, 2016 at 2:55 pm

    Cavolo, mi spiace, spero tornerai presto, necessito di vedere i tuoi link su FB

    Liked by 1 persona

     
    • Lucius Etruscus

      novembre 24, 2016 at 2:59 pm

      Ti ringrazio, comunque i miei post li vedi uguale 😉

      Liked by 1 persona

       
      • loscalzo1979

        novembre 24, 2016 at 3:21 pm

        comunque valuterei fare la Pagina del Zinefilo e di Fumetti Etruschi

        Liked by 1 persona

         
      • Lucius Etruscus

        novembre 24, 2016 at 3:23 pm

        Sì, infatti la soluzione sarebbe quella di entrare con il mio nome e creare una pagina invece che un profilo, in cui riversare i post di tutti i miei blog. E’ sicuramente la soluzione migliore, perché così non devo spiegare il mio “nuovo nome” a chi non mi conosce, ma ora sono troppo infastidito dal comportamento dittatoriale di facebook e dalla qualità delle troppe persone che lo infestano: ho bisogno di disintossicarmi e ritrovare l’equilibrio zen ^_^

        Liked by 1 persona

         
      • loscalzo1979

        novembre 24, 2016 at 3:28 pm

        prenditi il tempo che serve ovviamente, ci becchiamo online

        Liked by 1 persona

         
      • Lucius Etruscus

        novembre 24, 2016 at 3:32 pm

        Tanto sono iscritto al tuo blog quindi mi arriva la mail quando pubblichi 😉

        Liked by 1 persona

         
  8. canenero

    novembre 24, 2016 at 3:19 pm

    Un’altra alternativa possibile potrebbe essere farti cambiare il nome all’anagrafe 😀

    Liked by 1 persona

     
    • Lucius Etruscus

      novembre 24, 2016 at 3:21 pm

      ahahah sicuramente sarebbe più gradevole che rispondere sull’attenti ai diktat facebookiani 😀

      Mi piace

       
  9. Ciccio Russo

    novembre 24, 2016 at 3:30 pm

    A me, un anno fa, impose di passare dallo pseudonimo al nome senza chiedermi i documenti, se ora lo sta facendo, suppongo sia per raccogliere ancora più dati sugli utenti, mi giunge nuova comunque.

    Liked by 1 persona

     
    • Lucius Etruscus

      novembre 24, 2016 at 3:33 pm

      E sì che nel messaggio assicura caldamente che l’immagine della carta d’identità verrà subito cancellata una volta consultata: seeeeee, come no!

      Liked by 1 persona

       
  10. indicedilettura

    novembre 24, 2016 at 3:32 pm

    L’ha ribloggato su Indice di lettura.

    Liked by 1 persona

     
  11. Piscu

    novembre 24, 2016 at 3:42 pm

    quando è capitato a me un annetto fa (ero Slurm MacKenzie dall’alba dei tempi), non avevo la minima voglia di “esibire un documento”. ho cambiato il nome mettendo quello reale, e me l’hanno fatta passare.

    comunque sono convinto che se uno ha un minimo di “integrazione” tra i vari social e piattaforme (facebook, mail, twitter, blog, linkedin), LORO sanno benissimo chi sei senza che tu gli faccia vedere la carta d’identità.

    Liked by 1 persona

     
    • Lucius Etruscus

      novembre 24, 2016 at 3:47 pm

      Il mio primo account personale risale al 1999: non c’è una sola ditta in Italia che non abbia i miei dati personali! Sanno tutto di me ma devono rompere le balle, usando sistemi che proprio non mi piacciono.
      All’inizio ho cambiato Etruscus con Etruskus, con la k, e per qualche ora è parso andare bene, poi la mattina dopo ero bloccato e ora qualsiasi nome metto vuole comunque la carta d’identità.
      Non è per il nome, che è davvero una sciocchezza: quello che mi urta è che un’interfaccia grafica che serve a cazzeggiare si erga a pubblico ufficiale e pretenda da me un documento d’identità come fosse un poliziotto. Quest’arroganza nata da segnalazioni di biasimevoli “persone per bene” mi nausea e mi spinge a cercare un periodo di disintossicazione lontano da facebook…

      Mi piace

       
  12. Marcello Gagliani Caputo

    novembre 24, 2016 at 3:47 pm

    Fai sbollire la rabbia e poi riflettici su, magari si trova un compromesso. Noi, intanto, ti aspettiamo.

    Liked by 1 persona

     
    • Lucius Etruscus

      novembre 24, 2016 at 3:48 pm

      Sicuramente devo ritrovare il mio equilibrio zen, poi una soluzione si trova ^_^
      Comunque ricordo che tutti i post che apparivano sul mio profilo facebook sono generati da WordPress: se volete continuare a leggerli basta iscriversi ai miei blog ^_^
      Ok, finita la marketta magari ci si vede sugli altri social: lo so, twitter, google+, tumblr e linkedn sono pura tappezzeria, ma almeno lì ancora non mi hanno chiesto di identificarmi come fossero poliziotti. Ancora…

      Mi piace

       
  13. theobsidianmirror

    novembre 24, 2016 at 4:13 pm

    Pensavo che con il trucchetto della K avessi risolto…. vabbè. Prima o poi comunque capiterà anche a me, rimane solo da capire il quando.
    Comunque, per dirla tutta, a me un paio di anni fa mi successe a la stessa cosa in Google Plus. Mi costrinsero a cambiare nome perché, secondo loro, “Obsidian Mirror” non era un vero nome. Mah!?!?!
    Così fu che mi ribattezzai “Obsidian M” e tutto andò a posto.

    Liked by 1 persona

     
  14. Ladyghost

    novembre 24, 2016 at 4:14 pm

    facebook si fa odiare, semplicemente. mi spiace 😦

    Mi piace

     
    • Lucius Etruscus

      novembre 24, 2016 at 4:15 pm

      Ti ringrazio e sì, ultimamente non è più un bel posto dove andare. Per questo non mi danno per tornarci…

      Mi piace

       
  15. Ladyghost

    novembre 24, 2016 at 4:14 pm

    Facebook si sta facendo odiare, semplicemente….

    Liked by 1 persona

     
  16. Mariano D'Anza

    novembre 24, 2016 at 6:27 pm

    E’ veramente un peccato, ma non dargliela vinta, torna appena puoi perchè è un peccato. E’ proprio così che zittiscono le voci originali, portandole all’esasperazione

    Liked by 1 persona

     
    • Lucius Etruscus

      novembre 24, 2016 at 6:31 pm

      Appena ritrovata un po’ di serenità sulla questione, troverò il modo di rientrare ma ora il comportamento del social mi irrita parecchio.

      Mi piace

       
  17. gioacchino di maio

    novembre 24, 2016 at 8:19 pm

    E’ una cosa spiacevole. Qualcuno diceva che nei social sei sempre sottoposto a qualcosa che ti impedisce in un certo qual modo di esprimersi liberamente, per fortuna ci sono i blog personali.
    Comunque non credere che con la pagina fb si risolva, da quando hanno cambiano gli algoritmi per farti notare abbastanza devi pagare, a meno che non scrivi post efficaci (come dicono loro), o hai migliaia di fans, ma fb cerca di tirare l’acqua al suo mulino con gli ads.

    Liked by 1 persona

     
    • Lucius Etruscus

      novembre 24, 2016 at 8:24 pm

      Eh vedi? C’è sempre da lottare, con fb, e non si è mai tranquilli: devo fare il pieno di equilibrio zen prima di pensare di tornare in quel posto ormai coso poco accogliente…

      Mi piace

       
  18. Francesco Moretta

    novembre 24, 2016 at 8:53 pm

    Non sono stupito del comportamento di fb,anche altri miei conoscenti hanno avuto rogne simili ed hai ragione nel notare quanto fb sia peggiorato negli ultimi anni.Mi spiace che romano le balle a te e invece certi elementi veramente loschi se la passano liscia.

    Liked by 1 persona

     
    • Lucius Etruscus

      novembre 24, 2016 at 8:58 pm

      Diciamo che quando prendi mazzate è la prova che ti stai comportando onestamente 😛

      Mi piace

       
  19. Nick Parisi

    novembre 24, 2016 at 9:27 pm

    Fregatene, hai il blog, hai noi quindi fottitene allegramente. 😉

    Liked by 1 persona

     
  20. Christian Franzone

    novembre 24, 2016 at 9:45 pm

    Ma come si chiamano queste “brave persone” che ti hanno fatto cacciare da Facebook? Nomi e cognomi che sono curioso!

    Liked by 1 persona

     
    • Lucius Etruscus

      novembre 25, 2016 at 5:38 am

      Eh magari lo sapessi. Comunque io non sono per la gogna pubblica, quindi anche a saperlo non lo direi qui. Magari in privato 😛

      Mi piace

       

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: