RSS

[Pseudobiblia] The Ninth – La nona vittima (2019)

16 Nov

Malgrado la guerra in corso, Prime Video si è riempito di film russi recenti, come per esempio questo “The Ninth – La nona vittima” (Devyataya, 2019) di Nikolay Khomeriki, in edito in home video italiano. IMDb dice che è tratto da un fumetto di Aleksey Karaulov ma non credo valga la pena indagare oltre.

In una città antica marito e moglie cercano un libro per far risorgere la figlia, e già qui è chiaro che la trama non sarà il forte del film. Ciò che conta è che il libro lo trovano ed è anche bello gagliardo.

Do per scontato che gli autori avessero ben in mente “La nona porta” (The Ninth Gate, 1999) di Roman Polanski, pessimo adattamento del geniale romanzo Il Club Dumas (1993) di Arturo Pérez-Reverte, quindi facciamo che ci sono nove procedure da compiere per evocare le Tenebre.

«Quel libro apre la strada verso le tenebre»

Abbiamo anche un brandello di evocazione in latino, che ho cercato di ricreare:

«Audi demon, ego indignus minister tuus coniuro oscu evoco tu advenias»

Come sempre gli archeologi impazziscono al pensiero di ciò che hanno trovato e tutto crolla.

La moglie dell’archeologo, Olivia (Daisy Head), riesce a scappare dal crollo dell’antica città portandosi via il libro.

Diventa una medium apprezzata e richiestissima nella San Pietroburgo ottocentesca ma occhio, c’è riuscita da sola: il libro le è stato rubato. Iniziare un film con cose successe non si sa quando non mi pare una buona idea ma, come detto, la trama non è assolutamente il forte di questo film, del tutto dimenticabile.

In città una figura oscura sta massacrando giovani donne seguendo le nove procedure illustrate del libro, il che ci permette di gustarci la costruzione grafica di questo ghiotto pseudobiblion:

Così il film ci ha mostrato tutte e nove le procedure per evocare le Tenebre, anche se quei simboli non so se appartengano al cirillico o alla lingua del Maligno, oppure se siano stati inventati per il film.

Di sicuro il libro è l’unico motivo per gustarsi un fiacchissimo horror dozzinale.

L.

– Ultimi “libri falsi”:

 
3 commenti

Pubblicato da su novembre 16, 2022 in Pseudobiblia

 

Tag:

3 risposte a “[Pseudobiblia] The Ninth – La nona vittima (2019)

  1. eryan80

    dicembre 11, 2022 at 11:11 am

    Ciao, ci sei andato bello pesante nello stroncare questo altrimenti buon thriller gotico secondo me ? A parte il patetico prologo alla IndyJones(in Egitto forse?) il film mi ha convinto in tutto! Sarà che adoro gli SherlokHolmes con DowneyJr e questa trama non avrebbe sfigurato in un SherlokHolmes3 (ma uscirà mai?), gli attori tutti buoni mitico l’assistente dell’ispettore che fa lui tutto il lavoro 🙂 Misterioso quanto basta il killer, buona l’idea degli omicidi in serie alla SEVEN anche se poco dettagliati ma davvero brillante è stata l’intuizione finale: il rituale ha successo ugualmente e la figlia risorge nonostante il detective interrompe l’ultimo omicidio.. ma tutto quadra !
    Sorprendente questo nuovo cinema russo (belli anche Coma, GuardianoDeiMondi,..) tendente al minimale forse devono curare più i dettagli ma la sostanza c’è:)
    Cosa ne pensi?

    Piace a 1 persona

     
    • Lucius Etruscus

      dicembre 11, 2022 at 11:31 am

      Sono contento che ti sia piaciuto e che apprezzi il nuovo cinema russo, di cui a questo punto ti consiglio “Sputnik”, uscito a Trieste insieme a “Coma” ma che considero superiore, sebbene siano due ottime opere.
      Fermo restando che i gusti sono gusti e quindi il mio giudizio personale non ha alcun peso, rimane il fatto che proprio guardando ad altre opere, soprattutto di fantascienza ma non solo, che questo prodotto russo ne esce ammaccato: è così forte la sua voglia di rifare uguali temi occidentali (come appunto il film “La nona porta”, con la sua sequenza libraria da ricreare per evocare il Maligno) che si perde invece lo stile russo, il quale non ha bisogno di rifarsi a niente.
      E’ tutto troppo leggero, troppo superficiale, proprio perché guarda al superficiale cinema americano.
      Per carità, anche gli altri film che ti ho citato lo fanno, ma per fornire però una propria versione di certi schemi occidentali. Qui invece li si segue a capo chino, e l’ho trovato deludente.

      Comunque ciò che importa è che ti sia piaciuto e che continui a gustarti quei film russi che riescono ad arrivare da noi, vedrai che fra un alto e un basso comunque meritano di essere visti 😉

      "Mi piace"

       

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: