RSS

I divin Marchesi (romantici titoli)

19 Feb

Le lettrici di romanzi d’amore non sono repubblicane: la monarchia e il mondo dei titoli nobiliari sembra nutrire per loro un fascino irresistibile, e soprattutto immutato nei decenni.

Una fetta sostanziosa dei romanzi a sfondo romantico è di ambientazione storica quindi non stupisce trovare un fiume di titoli incentrati su un qualche (scusate il gioco di parole) titolo nobiliare: per esempio… il marchese.

Parto da Il ricatto del marchese (A Ring From a Marquess, 2015) di Christine Merrill. Ecco la trama:

Bath, XIX secolo – Margot de Bryun è una donna forte e indipendente, che non ha la minima intenzione di concedere a un uomo il controllo della propria vita. Men che meno a un arrogante libertino come Stephen Standish, Marchese di Fanworth, anche se lui è l’unico che riesce a solleticare il suo interesse e ad accendere in lei il desiderio. Quando però una preziosa collana di rubini rubata alla famiglia del gentiluomo viene rinvenuta nella gioielleria di Margot e i sospetti ricadono su di lei, per non finire in prigione la giovane si ritrova costretta a cedere al ricatto dell’affascinante marchese e a diventare prima la sua amante e poi la sua sposa riluttante. Ma una cosa è certa: non si lascerà domare tanto facilmente, e se mai lui vorrà farsi perdonare per aver dubitato della sua onestà… ebbene, gli darà del filo da torcere!

Ah, queste donne “forti e indipendenti” concupite dai marchesi…

Come sempre, tutti i titoli citati di seguito sono veri e pubblicati di recente. Stavolta di romanzi coi marchesi ce ne sono pochini, quindi allungherò con anche la versione femminile.


Il divin marchese

Come detto, il marchese è un titolo nobiliare che non ha generato molti titoli: è davvero scarsina L’eredità del marchese (di Carla Kelly).

A quanto pare questo titolo nobiliare non è così “nobile”, perché le lettrici potrebbero trovarsi davanti Il marchese libertino (di Sarah Elliott), Il marchese ladro (di Deborah Simmons) o Un marchese sotto accusa (di Alyssa Everett); può subire Il ricatto del marchese (di Christine Merill) o addirittura Lo scandaloso corteggiamento del marchese (di Lorraine Heath), che potrebbe portare a Il finto fidanzamento del marchese (di Annie Burrows): ad opporsi, si rischia La vendetta del marchese (di Louise Allen).

Tutta questa negatività nascondono dunque I silenzi del marchese (di Alyssa Everett)? È questo L’azzardo del marchese (di Annie Burrows)? Si può finire solo come L’amica speciale del marchese (di Diane Gaston) o Dominata dal marchese (di Lavinia Kent)?

Per fortuna una lettrice può sognare anche Un irreprensibile marchese (di Lorraine Heath), che sebbene sia Un marchese indipendente (di Bronwyn Scott) non disdegna la ricerca dell’amore: Il marchese cerca moglie (di Annie Burrows), chi accetterà La scommessa del marchese (di Laura Martin)?

Questo è dunque Il misterioso dono del marchese (di Liz Carlyle): un personaggio spesso negativo per pochi romanzi.


Madama la marchesa

Il genere romance si basa su donne protagoniste forti e indipendenti, quindi se c’è una marchesa è ovviamente Una marchesa indipendente (di Bronwyn Scott).

Come detto, questo titolo nobiliare è molto poco utilizzato, quindi abbiamo poche possibilità: si va da La marchesa degli scandali (di Anne O’Brien) a La marchesa sotto il vischio (di Georgie Lee), finendo con Il chirurgo e la marchesa (di Sarah Mallory).

Chissà come mai questo titolo non abbia generato titoli…

L.

– Ultimi post simili:

 
9 commenti

Pubblicato da su febbraio 19, 2020 in Indagini

 

Tag:

9 risposte a “I divin Marchesi (romantici titoli)

  1. zoppaz (antonio zoppetti)

    febbraio 19, 2020 at 6:04 pm

    Interessante questo pezzo sul “marchendising”! 🙂

    Piace a 3 people

     
  2. Conte Gracula

    febbraio 20, 2020 at 10:08 am

    Manca solo “È arrivato il marchese”, ma fare un romance su quel periodo del mese non dev’essere affatto facile.

    Comunque, probabilmente le fan del genere amano la nobiltà per residui di storie col principe azzurro: nella vita reale, secoli di endogamia hanno limitato di molto la “belloccitudine” (sì, adoro inventare parole sceme!) dei nobili europei 😛

    Piace a 1 persona

     
  3. Kuku

    febbraio 20, 2020 at 12:43 pm

    ahahahah, anche se più scarso di titoli, sempre divertente! La marchesa e il chirurgo? Beh, questa è un’insolita variante. Poi io vorrei assolutamente sapere qual è il dono del marchese. Cosa regalerà mai? Un nobile dono? Una pataccata?
    Comunque mi fanno ridere ste donne indipendenti, così indipendenti che devono assolutamente accasarsi col riccone di turno, che naturalmente è un casanova pieno di donne, ma che quando vede loro, le donne indipendenti, dimentica tutto il resto.
    Dimmi che ce ne sono ancora di questi post!!

    Piace a 1 persona

     
    • Lucius Etruscus

      febbraio 20, 2020 at 1:02 pm

      Devo fare una ricerca nobiliare per trovare altri titoli 😀
      L’ossessione per un ideale femminile forte temo porti a soluzioni poco logiche, ma a quanto pare funziona visto che è usato in modo fisso. In coppia però con uomini forti, che i deboli e sottomessi non sono certo affascinanti. Ma non si diceva che “gli opposti si attraggono”? Se sono entrambi forti e indipendenti, chi finge di dare ragione all’altro per smettere di litigare? 😀

      "Mi piace"

       
      • Kuku

        febbraio 20, 2020 at 1:04 pm

        Mah, devono litigare perché poi le autrici devono metterci dentro le scene di sesso e qual modo migliore di risolvere le litigate?
        (mi sa che sono di nuovo finita nel buco spam sul zinefilo)

        Piace a 1 persona

         
  4. Alessandro Montani

    febbraio 24, 2020 at 7:45 pm

    Mi sa che il marchese sia percepito come molto peccaminoso, anche a vedere dai titoli che presentano quasi sempre un marchese po’ sinistro.
    A mio avviso è colpa del marchese De Sade, ma lo hai suggerito già tu richiamando un “divin marchese”). Anzi, a dirla tutta, più che peccaminoso, il marchese è proprio pericoloso, meglio stargli alla larga (almeno è quello che ho capito leggendo -e non è stato facile – le 120 giornate, dove anche duchi e vescovi non è che siano tanto raccomandabili).

    Piace a 1 persona

     
    • Lucius Etruscus

      febbraio 24, 2020 at 8:00 pm

      I conti e i duchi hanno scatenato fiumi di titoli, passando dal positivo al negativo: forse la sinistra fama del Marchese ha ostacolato il successo della stessa operazione coi marchesi 😉

      Piace a 1 persona

       

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: