RSS

[45 giri] The Eddy Duchin Story

14 Ott

La mia collega Ivana, sapendo la mia patologica passione per collezionare ogni tipo di roba gratuita si trovi in giro (quindi più un “accumulatore seriale” che un collezionista!), si è presentata un giorno con una busta piena di copertine di vecchi 45 giri: i vinili sono andati persi, sono rimaste solo le copertine. Tutto materiale privo di valore, quindi, ma irresistibile: perché non presentare qualche chicca anche qui? Sarà come fare insieme una visita in un mercatino dell’usato…

Questo disco mi sa che non è un’edizione italiana: non c’è una sola parola nella nostra lingua, né data di copyright. Comunque è tratto dalla colonna sonora del film “Incantesimo” (The Eddy Duchin Story, 1956) di George Sidney, con Tyrone Power e Kim Novak, e questo mi riporta alla mente un ricordo lontano.

Ero bambino quando i miei guardarono questo film in TV, e ovviamente un drammone hollywoodiano era la cosa più noiosa della storia del mondo, per un ragazzino. (Oddio, pure da adulto non è che mi diverte gran che!) Credo di essermi lamentato per la fissità totale delle immagini e la noia di questi attoroni che non facevano niente per tutto il tempo – malgrado teoricamente parli del pianista americano Eddie Duchin, in realtà si parla solo di storie d’ammore in salsa hollywoodiana – al che mia madre ha cercato di “pepare” un po’ la storia, per cercare di coinvolgermi.

Dunque mi disse di resistere alla noia perché il protagonista sarebbe morto suonando il piano. Non so se le mamme di oggi direbbero una cosa del genere al figlio, ma con me funzionò, e l’immagine tragica di un pianista che muore suonando mi conquistò subito, spingendomi a resistere alla mortale noia del film.
Purtroppo non andò come sperato, e la morte truculenta che aspettavo non venne: semplicemente nel fotogramma finale del film l’attore scompare, e quello simboleggia la sua morte. Tanta attesa per niente…

L.

– Ultimi post simili:

 
8 commenti

Pubblicato da su ottobre 14, 2019 in Uncategorized

 

Tag:

8 risposte a “[45 giri] The Eddy Duchin Story

  1. Claudio Capriolo

    ottobre 14, 2019 at 8:28 am

    Un filmetto strappalacrime interpretato da uno dei più sopravvalutati attori hollywoodiani (la noia generata dai suoi film è in buona parte spiegabile con la fissità della sua espressione).
    La colonna sonora di Incantesimo comprende fra l’altro una versione insopportabile del Notturno op. 9 n. 2 di Chopin (in genere apprezzo le parodie, ma questa è davvero insulsa) e qualche sempreverde dell’epoca del vaudeville, come Shine On, Harvest Moon – che, per intenderci, è il brano cantato da Ollio e danzato da Stanlio nella versione originale del film I diavoli volanti (The Flying Deuces, 1939):
    https://clamarcap.com/2019/07/20/harvest-moon/
    Carmen Cavallaro è stato uno dei pianisti più ricchi della storia della musica leggera, credo che alla fine abbia guadagnato solo qualche dollaro meno di Liberace – il quale oltre che più ricco era anche più rococò.
    Ciao! 🙂

    Piace a 2 people

     
    • Lucius Etruscus

      ottobre 14, 2019 at 9:17 am

      Allora non è solo un mio ricordo d’infanzia, che il film sia particolarmente noioso! Se almeno il protagonista avesse suonato di più sarebbe stato almeno divertente, ma credo che Power si limitasse a guardare il vuoto e a recitare infinite frasi da romanticume hollywoodiano d’annata.
      Quindi mi pare di capire non valga la pena recuperare questa colonna sonora, semmai cercare esecuzioni migliori dei brani in questione 😉

      Piace a 1 persona

       
      • Claudio Capriolo

        ottobre 14, 2019 at 9:42 am

        Ricordo la prima volta che mi permisero di guardare la tv di sera. Avevo 8 anni, i miei dovevano andare a cena da amici; prima di uscire mio padre disse a mia nonna, cooptata come babysitter: lascia che il piccolo guardi il film dopo Carosello, gli piacerà.
        Era Helzapoppin.
        Altro che Eddy Duchin 😉

        Piace a 2 people

         
      • Lucius Etruscus

        ottobre 14, 2019 at 9:47 am

        Essendo cresciuto senza nonni e con i genitori che non uscivano mai, ho avuto esperienze ben diverse 😛

        Piace a 1 persona

         
      • Conte Gracula

        ottobre 14, 2019 at 2:35 pm

        Mia madre si addormentava prima di me, così ho potuto vedere Poltergeist quando faceva davvero paura: avevo sette anni XD

        Piace a 1 persona

         
      • Claudio Capriolo

        ottobre 14, 2019 at 9:48 am

        Obiettivamente non ci sono “esecuzioni migliori” dei brani che fanno parte di quella colonna sonora: Cavallaro aveva un suo stile, dannatamente kitsch, che all’epoca piaceva molto al pubblico americano di musica leggera. Ma come pianista, dal punto di vista meramente tecnico, era indubbiamente bravo. Mio padre, che ogni tanto ascoltava anche qualche disco di jazz, aveva un paio di lp di Art Tatum: un altro pianeta.

        Piace a 1 persona

         
  2. Kukuviza

    ottobre 14, 2019 at 5:25 pm

    Ahaha ma tua madre ti ha fatto uno scherzone dunque! Beh ma ha avuto un’idea geniale per riuscire a farti guardare il film!

    Piace a 1 persona

     
    • Lucius Etruscus

      ottobre 14, 2019 at 5:40 pm

      Credo fosse in buona fede, che cioè non avesse già visto il film quindi si basava sulle tramette: essendo il film nato proprio subito dopo la morte del pianista, probabilmente era l’aspetto che tutti citavano. Anche perché non esiste altra trama se non romanticume all’americana 😛

      "Mi piace"

       

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: