RSS

[Un libro, una storia] L’animale culturale

17 Lug

La trasmissione “SuperQuark“, che seguo sin dalla sua nascita nel lontano 1983, quest’anno saluta la scomparsa di alcuni storici collaboratori, come per esempio Dànilo Mainardi.
Ho appreso della sua morte (l’8 marzo scorso) solamente quando ho Piero Angela l’ha salutato nella prima puntata di questa stagione estiva (21 giugno) e posso capire come mai la stampa sia rimasta silente davanti alla perdita di un etologo: il professor Mainardi era uno di quelli che non fanno rumore ma si limitano a fare bene il proprio lavoro guadagnandosi la stima dell’ambiente scientifico internazionale. E questo in Italia non fa mai notizia…

Sin da quand’ero bambino Mainardi mi ha raccontato fiumi di storie di animali per la mia grande gioia: non era uno stile per bambini, non raccontava favole né infiorettava o che altro. Il professor Mainardi era appunto un professore, non cantastorie, ma al contrario di quello che si pensa essere un professore significa saper raccontare: e Mainardi sapeva raccontarti storie di ogni animale possibile e immaginabile.

“Quark”, “Il mondo di Quark”, “SuperQuark”, i nomi sono cambiati nel corso di quasi 25 anni ma io ero sempre lì ad aspettare l’intervento di Mainardi, che con poche parole sapeva unire mille puntini e regalarti uno sguardo d’insieme eccezionale.

Ecco perché quando nella Libreria Feltrinelli del centro di Roma quel 1994 trovai a sorpresa “L’animale culturale” di Mainardi lo comprai a scatola chiusa.

Questo piccolo saggio BUR (terza edizione, gennaio 1988) ha una particolarità che lo contraddistingue dai pochissimi altri libri scritti dal professore – che era un oratore nato e ha scritto raramente, a livello di divulgazione: non è solo una semplice raccolta di articoli già apparsi su riviste, come saranno i successivi libri dell’autore, ma un discorso omogeneo.
L’ho letto in sette giorni – dal 22 al 29 giugno 1994 – e mentirei se dicessi di ricordare qualcosa, ma quell’estate assolata in cui durante la pausa pranzo da lavoro mi rifugiavo all’ombra di un piccolo capannone, isolato da tutto e tutti, e leggevo a manetta è un momento che ricordo sempre con affetto. E anche in forma scritta il professor Mainardi riuscì a regalarmi grandi emozioni.

Avevo circa 9 anni la prima volta che ho visto in TV Mainardi, quel 1983: dopo tutto questo tempo la notizia della sua scomparsa l’ho presa come quella di un caro amico di famiglia.
Addio, professore, e grazie per tutti gli animali…

L.

Annunci
 
4 commenti

Pubblicato da su luglio 17, 2017 in Uncategorized

 

4 risposte a “[Un libro, una storia] L’animale culturale

  1. Ivano Landi

    luglio 17, 2017 at 7:04 am

    Non ho letto giornali nei giorni subito successivi alla sua scomparsa, ma posso testimoniare che i vari tg nazionali hanno dato ampio risalto alla notizia della sua morte…

    Liked by 1 persona

     
    • Lucius Etruscus

      luglio 17, 2017 at 7:10 am

      Purtroppo non mi è capitato di sentirli, quindi forse non c’è stata la stessa eco data agli altri morti. Per carità, non stiamo parlando né di un divo né di un nome della cultura pop, bensì di uno schivo etologo poco presente sui media, quindi è comprensibile.

      Mi piace

       
  2. Luz

    luglio 18, 2017 at 3:48 pm

    Mainardi è stato un pezzetto di vita anche per me, che come te seguo i documentari degli Angela da sempre (sono una di quelle rare persone che restavo col fidanzatino in casa per non perdere la puntata).
    C’è anche un particolare: Mainardi amava anche disegnare e si concedeva quelle meravigliose vignette fatte di un paio di linee con cui riproduceva l’animale di cui avrebbe di lì a poco parlato.

    Liked by 1 persona

     
    • Lucius Etruscus

      luglio 18, 2017 at 4:06 pm

      Splendide, già in questo libro erano presenti ma poi erano molte di più ne “Lo zoo aperto”. Davvero con pochissimi tratti riusciva a comunicare l’essenza di un animale 😉

      Mi piace

       

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: