RSS

[Books in Movies] Valentina (1989)

23 Mag

“Pochette surprise” (The Guilty Are Afraid, 1957) di James Hadley Chase

Assolutamente per caso – stavo registrando alla cieca trailer di Alien: Covenant! – mi è passato davanti un vecchio episodio di una serie televisiva all’epoca molto discussa: “Valentina“, prodotta dalla Silvio Berlusconi Communications e ispirata al noto personaggio a fumetti di Guido Crepax. In realtà “noto” forse non va più bene, visto che non ne sento parlare da trent’anni, ma nel 1989 Valentina era un personaggio famosissimo.
Apparteneva a quello stile quasi-erotico molto in voga nel fumetto anni ’60-’70, ma il fatto che apparisse tranquillamente nelle riviste a fumetti da edicola dovrebbe tranquillizzare sulla totale innocuità del soggetto.

La 21enne americana Demetra Hampton se da una parte era una Valentina fisicamente perfetta, dall’altra la sua totale inespressività e un doppiaggio non adeguato hanno fatto sì che fosse una serie inguardabile.
Comunque l’attrice in queste foto è una comparsa, che durante il quarto episodio – Valentina non riposa (20 ottobre 1989) – che non si sa perché sta leggendo un numero della storica collana “Série Noire” (Gallimard), autorevolissimo contenitore di narrativa noir a cui all’inizio della sua vita la nostra “Segretissimo” attingeva abbondantemente.

Come si vede dalle schermate, la donna sta leggendo il maestro James Hadley Chase, e in particolare “Pochette surprise” (n. 353), traduzione curata da France-Marie Watkins del romanzo The Guilty Are Afraid (1957): visto che questo numero risulta datato 1° febbraio 1957, azzardo che Chase – amatissimo in Francia – abbia fatto uscire il romanzo prima qui che in patria britannica. O se non altro in contemporanea.

In Italia arriva il 15 marzo 1958 con il titolo “I colpevoli hanno paura” (“Il Giallo Mondadori” n. 476), tradotto niente meno che dal decano Alberto Tedeschi.

L.

– Ultimi post simili:

Annunci
 
7 commenti

Pubblicato da su maggio 23, 2017 in Books in Movies

 

7 risposte a “[Books in Movies] Valentina (1989)

  1. Cassidy

    maggio 23, 2017 at 6:34 am

    Cosa sei andato a ripescare, addirittura il film su Valentina 😉 Comunque hai ragione, oggi il personaggio di Crepax è riprodotto in stampe, copriletto, federe per i cuscini, ma non so quanti lo conoscano per davvero. Cheers!

    Liked by 1 persona

     
    • Lucius Etruscus

      maggio 23, 2017 at 6:43 am

      Questa serie era davvero inguardabile, con l’audio totalmente sballato: una voce calda e sempre “sexy” in bocca a un ciocco di legno inespressivo come Demetra 😀

      Mi piace

       
      • Cassidy

        maggio 23, 2017 at 6:58 am

        Dici bene, Demetra Hampton era più caruccia da vedere che da veder recitare, a voler essere proprio gentili, ma gentili gentili eh 😉 Cheers

        Liked by 1 persona

         
  2. Cumbrugliume

    maggio 24, 2017 at 4:19 pm

    Il “successo” di Valentina diede una notevole popolarità alla Hampton, che per un breve periodo fu praticamente sempre in Italia. Il suo meglio l’ha dato probabilmente nell’incredibilmente ignorante Chicken Park, il che è tutto dire 😀

    Liked by 1 persona

     

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: