RSS

Le capacità di Alessandro Zannoni

23 Dic

Dall’aprile 2011 all’aprile 2016 ho pubblicato su ThrillerMagazine più di 60 interviste ad autori di ogni tipo, provenienti da ogni parte del mondo: è il momento di ripescarle e riproporle.

Intervista ad Alessandro Zannoni

Alessandro Zannoni torna in libreria con Le cose di cui sono capace (Perdisapop), una storia americana che dichiaratamente è anti-americana. Le cose “anti”, però, sono così numerose – ed esagerate – che è impossibile enumerarle. Ne parliamo con l’autore.

Il tuo romanzo si apre con una scritta che prende le distanze dalla letteratura americana (con le dovute eccezioni), ma poi la storia è tutta americana: è una scelta sarcastica, come un ritratto al negativo, o pensi che certe storie possano essere raccontate solo “all’americana”?

Assolutamente sarcastica. Ed è ’na roba tipo “storie ai confini della realtà”, quindi assolutamente da gestire all’americana, dai dialoghi alla ambientazione.

La desolata provincia statunitense è perfetta per un certo tipo di storie: se ti avessero chiesto di riadattare il tuo romanzo alla provincia italiana l’avresti fatto? Pensi che sarebbe stato possibile?

Ti ho risposto prima, ma se vuoi qui allungo: da noi, certe storie, sarebbero troppo inverosimili, troppo forzate – un esempio è la storia di quello che nella rissa uccide il rivale con una bottigliata: per evitare la galera fa causa alla ditta produttrice di bottiglie e vince la causa – avrei dovuto utilizzare un altro registro narrativo e altre storie, proprio quelle da cui provengo e dalle quali cerco di allontanarmi per sopraggiunta noia.

Lo sceriffo Corey è un personaggio estremo, dirompente e decisamente fuori da ogni schema: come è nato e come si è sviluppato?

Tutto è nato per caso: stavo cercando di riprendere a scrivere dopo un lungo periodo di pigra inattività, e mi sono messo a buttare giù piccoli rendiconti giornalieri della vita di questo Nicola Coretti, ben avendo in mente il personaggio di Thompson; posso affermare che è nato dalla voglia di fare un omaggio allo scrittore americano. La cosa mi divertiva parecchio, e il personaggio riusciva a fare cose davvero inquietanti senza il mio minimo sforzo nell’immaginarle. Come sempre accade, tutto era già in testa, serviva solo la voglia e il tempo di mettere nero su bianco.

Impossibile ignorare il “braccio violento” con cui lo sceriffo amministra le legge (anche se non è il braccio che usa!): in un periodo in cui le galere sovraffollate ci fanno parlare di depenalizzazione, forse il metodo Nick Corey è la soluzione migliore… Perdona l’umorismo triviale, ma l’elemento sessuale nel tuo romanzo è troppo denso e intenso per non attrarre l’attenzione: cosa ci puoi dire della particolare concezione di Corey per la “giustizia penale”?

Ho immaginato la scena: mi sono immedesimato in un disgraziato colto in flagrante, al primo furto, convinto che fosse la strada più semplice per tirare avanti, e Nick Corey che mi somministrava il suo “sermone” e mi faceva capire dove, quella strada, mi avrebbe portato, a quali rischi mi esponevo, e se ne valeva davvero la pena. Bè, credimi, ho sudato freddo. Un perfetto sistema per raddrizzare carriere criminali. Di sicuro darebbe frutti inaspettati.

È davvero difficile stabilire se Corey voglia fare del bene, anche se questo implichi fare del male, o se semplicemente risolve problemi senza stare a guardare la “bontà” o meno di ciò che compie. Tu che ne dici?

Io dico che Nick è un fottuto romantico, di quelli estinti, di quelli che mettono a repentaglio il proprio culo per dare una mano ad un amico. Ma è anche un tipetto che per rendersi la vita felice, a tutti i costi, si spiana la strada con metodi poco ortodossi; sa che quello che fa non andrebbe bene, e che se c’è un dio verrà punito, ma lo fa perché ama, e amare significa non tirarsi mai indietro. Almeno, questo è quello che immagino per lui.

Domanda d’obbligo: progetti futuri?

Guardare l’editoria che peggiora sempre più, dispiacermi di non poter fare niente, coccolare i lettori, scoprire scrittori validi che non hanno paura del mercato, non avere peli sulla lingua e sputtanare quelli che se lo meritano. Appena mi viene voglia, scrivere qualcosa di nuovo.

L.

P.S.
Questa intervista è stata pubblicata su ThrillerMagazine il 9 settembre 2011.

– Ultimi post simili:

Annunci
 
Lascia un commento

Pubblicato da su dicembre 23, 2016 in Interviste

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: