RSS

[Un libro, una storia] La tavola fiamminga

25 Apr

Arturo Pérez-Reverte - La tavola fiammingaIl 22 maggio 1997 va in onda su Tele+ il film Uncovered, che erroneamente l’IMDb riporta come La tavola fiamminga: titolo che non ha mai avuto, semplicemente perché dopo quell’anno di repliche sulla Pay TV il film scompare nel nulla, almeno in lingua italiana. (Apparire anni dopo fugacemente su RaiSatCinema, ma misteriosamente in lingua originale sottotitolato.)
All’epoca ho avuto l’onore di vedere in italiano il film, prima della sua totale cancellazione dai nostri palinsesti, ed è stata un’esperienza meravigliosa: una trama splendida che mi ha tenuto con il fiato sospeso fino alla fine.

Nel marzo del 1999 scopro in libreria il romanzo da cui il film è stato tratto: La tavola fiamminga (La tabla de Flandes, 1990) di Arturo Pérez-Reverte, ed è il mio primo contatto con l’autore spagnolo.

La lettura ha moltiplicato per dieci la bellezza provata nel film, perché ogni parola è un mistero e lo stile dell’autore è spettacolare.
Il pittore fiammingo Van Huys, che sebbene sia inventato per l’occasione non sfigura accanto ai maestri suoi coetanei, si fa subito amare e il suo quadro misterioso è imperdibile: così come l’enigma scacchistico in esso nascosto.

Nel 1997 scoprii che gli scacchi potevano essere una trovata narrativa davvero eccezionale, per una storia, ma nel 1999 iniziò la passione che non ha fatto altro che crescere con gli anni: la mia passione per le citazioni scacchistiche!

Lo scorso Capodanno ho festeggiato il 500° filmatino con citazione scacchistica inserito nel mio CitaScacchi (sito a cui è abbinato il blog omonimo) e tutto è iniziato proprio dalla lettura de La tavola fiamminga, letto voracemente sia a casa che in ufficio, di nascosto.
La cosa incredibile è che, avendo visto il film, sapevo esattamente chi fosse il colpevole – perché in fondo è un giallo – e tutto ciò che sarebbe successo… eppure non sono riuscito a staccare gli occhi dalle pagine. A dimostrazione che l’ordine perfetto è: PRIMA il film POI il libro, MAI il contrario!

Una curiosità finale. Questo è l’ultimo libro che ho prestato a qualcuno! In realtà non ho mai voluto prestare libri, ma qualche volta è successo. Quello che me l’aveva chiesto era un carissimo amico, una di quelle persone che vedi pochissimo ma che consideri parte di te. Così ho ceduto e gliel’ho prestato: se l’è tenuto un mare di tempo (più di un anno) e quando alla fine sono riuscito a farmelo restituire, con gran fatica, ho trovato dei segni di lettura sulla costa. Non è che l’ha rovinato, l’ha semplicemente aperto per leggerlo: io invece so leggere un libro senza lasciare prova di averlo mai aperto…
Comunque da allora la consuetudine è diventata regola: non presto MAI libri a chicchessia…

L.

Annunci
 
4 commenti

Pubblicato da su aprile 25, 2016 in Note

 

4 risposte a “[Un libro, una storia] La tavola fiamminga

  1. Ivano landi

    aprile 25, 2016 at 7:42 am

    Ho dato un’occhiata al tuo elenco di citazioni scacchistiche e ho visto che manca il film Bathory (2008), dove la contessa ungherese e il pittore Caravaggio giocano con scacchi formato gigante contro Thurzo.
    Se vuoi, puoi prendere l’immagine direttamente dal mio blog:
    http://ivanolandi.blogspot.it/2014/09/bathory-i-ferenc-seconda-parte.html

    Liked by 1 persona

     
    • Lucius Etruscus

      aprile 25, 2016 at 7:48 am

      Ohhh questa è una di quelle chicche che ti illuminano la giornata ^_^
      Ti ringrazio di cuore e corro a “saccheggiarti” 😛

      Mi piace

       
  2. theobsidianmirror

    aprile 25, 2016 at 12:34 pm

    Anch’io ho conosciuto Arturo Pérez-Reverte con questo libro, incontro che avvenne molto tempo prima che realizzassi che fosse lui ad aver scritto il libro da cui fu tratta “La nona porta”. Tra l’altro possiedo proprio l’edizione che di vede nell’immagine che hai inserito là in alto. Hai ragione quando dici che è un libro che ti tiene incollato il naso alle pagine… ha fatto lo stesso effetto anche a me e, per dirla tutta, non mi sorprende che la tua passione “citascacchistica” sia nata proprio con la lettura de “La Tavola Fiamminga”.

    Liked by 1 persona

     
    • Lucius Etruscus

      aprile 25, 2016 at 12:49 pm

      Il “Club Dumas” ha molto acuito la mia passione per gli pseudobiblia, quindi diciamo che il buon Arturo ha una forte responsabilità in ciò che amo 😛

      Mi piace

       

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: