RSS

Luciano Secchi, uomo rinascimentale

22 Apr

Luciano_SecchiLa primavera mi dona nuove forze e mi spinge ad intraprendere un viaggio nel più sconosciuto dei mondi: quello delle pubblicazioni da edicola italiane.
È un lost world, un mondo perduto e dimenticato, così sto cercando di riportare alla luce quel poco che è ancora possibile recuperare.
Non sono uno studioso né ho alcun titolo per farlo: sono solo un appassionato che da anni raccoglie dati e riempie schede: è il momento di cominciare a tirare qualche somma da tutto questo lavoro.

Dal 1933 è naturale che nelle edicole italiane ci siano dei romanzi di genere, perché in quella data inizia la pubblicazione di una collana prestigiosa che nel dicembre del 1949 per la prima volta vede scritto in copertina “Il Giallo Mondadori“.
Alberto Tedeschi ha iniziato una lunga tradizione che ha lasciato un solco profondo nella nostra cultura, ma… e gli altri?

Negli anni Cinquanta il Giallo non è più stato solo, in edicola, perché sono nati fiumi di testate concorrenti: quelle che nel mio blog “Gli Archivi di Uruk” chiamo Italian Pulp.
Ho scelto questo nome perché ciò che contraddistingue l’oceano di romanzi di genere che inonda le edicole dagli anni Cinquanta è il fatto di essere tutti scritti da italiani mascherati con nomi anglofoni. Solo il Giallo presenta romanzi veramente stranieri.

Nel 1953 inizia a fargli concorrenza la Garzanti con la celebre Serie Gialla, con grandi autori e grandi titoli, e per un breve periodo dal 1960 Laura Grimaldi è incaricata dalla Ponzoni Editore di fare lo stesso: la Grimaldi osa l’inosabile presentando addirittura dei romanzi di spionaggio, genere appena nato in Italia, e subito Segretissimo la chiama a lavorare per la collana, togliendo alla Ponzoni una valida arma di concorrenza.

Ma in tutto questo che c’entra quel Luciano Secchi che ho messo nel titolo del post?
Proprio nel 1960 in cui la Grimaldi si fa notare come grande concorrente mondadoriana, inizia la sua carriera nel mondo dei fumetti il nostro Secchi, meglio noto al grande pubblico con il suo pseudonimo Max Bunker.

L’attività fumettistica di Secchi è sterminata e credo unica nel nostro Paese, e per saperne di più vi rimando al suo sito ufficiale.
Quello che mi interessa è l’altra attività, perché Secchi era un uomo rinascimentale come Da Vinci: faceva mille cose ma è noto solamente per una, quella nel campo dei fumetti.
Negli anni Settanta il Giallo Mondadori è il re delle edicole e quando al cinema serve un libro giallo, è un Giallo Mondadori che mostra: nello stesso 1976 lo si vede in Cinque furbastri un furbacchione di Lucio De Caro (i ladri Teo Teocoli e Massimo Boldi si ispirano ad un Giallo Mondadori di Donald E. Westlake) e La poliziotta fa carriera di Michele Massimo Tarantini (Edwige Fenech vuole diventare poliziotta per imitare i “buoni” letti nei gialli).
Nel 1978 Luciano Secchi, noto quasi unicamente per il suo impegno nel mondo dei fumetti, inizia a fare concorrenza all’Impero mondadoriano… da solo!

Il romanzo Agenzia investigativa Riccardo Finzi (ecco il primo capitolo) viene presentato dalla stessa casa che stampa i fumetti che Secchi cura, la mitica Editoriale Corno, e verrà in seguito ristampato con una grafica palesemente riferita al Giallo Mondadori. Il successo di questa serie di romanzi è tale che ne viene fatto anche un film, Agenzia Riccardo Finzi… praticamente detective (1979): non mi è piaciuto neanche durante la mia giovanile “Fase Pozzetto”, e non so se qualcuno se lo ricordi ancora.
Ricordo infine che nel 1978 non è affatto facile né scontato firmare con il proprio nome italiano un romanzo di genere: altri lo hanno fatto, in passato, ma sono comunque rari casi isolati.

Secchi ha l’occhio lungo, lo ha dimostrato con i fumetti, e sa capire dove soffia il vento: è il momento del giallo… ed è pronto a scatenare l’inferno!
Come vedremo nella prossima puntata…

L.

 

Annunci
 
9 commenti

Pubblicato da su aprile 22, 2016 in Archeo Edicola

 

9 risposte a “Luciano Secchi, uomo rinascimentale

  1. theobsidianmirror

    aprile 22, 2016 at 6:51 am

    Non sapevo che Riccardo Finzi fosse un personaggio proveniente dalla carta stampata. Ero rimasto a Pozzetto…. P.S. Curioso che in un unico post citi Pozzetto e Ponzoni (anche se tutt’altro Ponzoni)

    Liked by 1 persona

     
    • Lucius Etruscus

      aprile 22, 2016 at 7:03 am

      ahaha non ci avevo pensato 😀
      Il mio obiettivo è proprio di riportare a galla, per quanto posso, quegli aspetti della vita “gialla” italiana totalmente dimenticati. Ogni singola parola nel web spesa per Secchi è dedicata alla sua titanica e lodevole attività fumettistica: mi è piaciuto ricordare che ha fatto anche altro, tipo fare concorrenza al Giallo imperante ^_^

      Mi piace

       
  2. Ivano Landi

    aprile 22, 2016 at 6:54 am

    Non ho seguito la parabola extrafumettistica di Secchi e non so dove possa condurre il seguito del post. Comunque l’argomento è di mio interesse e rimango sintonizzato 🙂

    Liked by 1 persona

     
    • Lucius Etruscus

      aprile 22, 2016 at 7:04 am

      Ti ringrazio 😉
      Il mio scopo è proprio quello di raccontare l’altro Secchi, quello che ha dato la scintilla ad una polveriera oggi ormai del tutto cancellata dalla memoria. Non ho alcun “titolo” per farlo, mi limiterò semplicemente a riportare dati e a confrontarli 😉

      Mi piace

       
  3. Giulio Leoni

    aprile 22, 2016 at 6:59 am

    Ottimo come sempre, Lucius.

    Liked by 1 persona

     
    • Lucius Etruscus

      aprile 22, 2016 at 7:05 am

      Ti ringrazio, e preparati: è un discorso che poterà molto lontano ^_^
      Ah, e oggi sul blog Zinefilo ti cito in merito alla “nascita” del giallo: come sa chi ti legge, non è con la Rue Morgue di Poe che nasce il genere 😛

      Mi piace

       

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: