RSS

[Un libro, una storia] Il libro maledetto

21 Mar

Georges Minois - Il libro maledettoEra l’estate del 2010 quando scoprii l’esistenza de “Il libro maledetto” (Le traité des Trois imposteurs, 2009) di Georges Minois, edito da Rizzoli nel gennaio di quell’anno.
Appena scoperta questa uscita mi catapultai ad acquistarlo.

Il saggio promette di raccontare «La storia straordinaria del Trattato dei tre profeti impostori» ed è un prezioso strumento per ricostruire una vicenda nebulosa che ha infiammato l’Europa per molto tempo, nei secoli passati: la supposta esistenza di un trattato che dimostrasse come i tre profeti delle principali religioni monoteistiche – Gesù, Mosè e Maometto – fossero semplicemente degli impostori.
Capite che se fosse esistito, questo testo sarebbe stato esplosivo… Ma è esistito?

Non è questo il luogo per approfondire il discorso, ma in quei caldi giorni da pendolare – con un treno spesso senza aria condizionata – mi immersi profondamente nella scrittura precisa e approfondita di Minois e dimenticai tutto ciò che mi circondava. Ero nell’Europa tra Cinque e Settecento sulle tracce di un libro vero che sembra falso…

Un caso librario come quello del Trattato dei tre impostori è molto intrigante e sì pieno di misteri… ma anche ricco di spunti per una narrazione più intrigante.
Quello che rimproverai a questo comunque ottimo saggio, in quell’estate afosa, è stata l’attenta e quasi ossessiva cura ad evitare qualsiasi “frizzantezza”: Minois forse aveva paura di non essere preso sul serio così si limita a date e fonti, tutte cose ottime in un mondo orale come il nostro – dove cioè il “sentito dire” acquista verità autoreferenziata – ma un po’ di divertimento poteva inserirlo, visto che il Trattato è circondato da mirabolanti storie false degne di essere raccontate.

Anni dopo, quindi, ho cercato di fare l’esatto contrario di Minois scrivendo il terzo volume delle mie Storie da non credere, ciclo di ebook dedicati alle storie incredibili (cioè da non credere) che accompagnano fenomenali ritrovamenti librari.
Nel mio Il Trattato dei Tre impostori. Il mito del “vero” esemplare trovato in Europa nel ‘700 troverete sì “date e dati” ma l’attenzione è tutta per la divertentissima bufala che servì per giustificare l’apparizione di una fantomatico “vero” esemplare del Trattato, apparso esattamente quando tutti lo cercavano.

A parte il piacere della lettura, quell’estate del 2010, questo libro non mi ha lasciato nulla: è un testo di storia di quelli noiosi, ed è un peccato perché l’argomento è frizzantissimo.
Che sia esistito o meno il Trattato, che le copie ancora oggi credute vere lo siano sul serio, non importa: perché il vero grande regalo che quest’opera ha fatto alla cultura europea… è l’accorato poema che uno sdegnato Voltaire scrisse per protesta contro il Trattato. Un poema che contiene i versi che hanno ispirato una delle più celebri citazioni per tutte le occasioni:

Se i cieli, spogliati della Sua augusta impronta,
potessero mai cessare di manifestarlo,
se Dio non esistesse, bisognerebbe inventarlo.

L.

Annunci
 
2 commenti

Pubblicato da su marzo 21, 2016 in Note

 

2 risposte a “[Un libro, una storia] Il libro maledetto

  1. theobsidianmirror

    marzo 25, 2016 at 8:54 pm

    Ecco un testo interessante, che potrebbe darmi degli spunti dopo il discorso su Allegro in OdR…

    Liked by 1 persona

     
    • Lucius Etruscus

      marzo 25, 2016 at 9:08 pm

      Il Trattato dei tre impostori infiamma appassionati da secoli: è pane per i tuoi denti ^_^

      Mi piace

       

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: