RSS

Codice Genesi: bibliofilia futura

23 Dic

Codice Genesi (7)Sfortunato il destino del film “Codice: Genesi” (The Book of Eli, 2010) scritto dall’esordiente Gary Whitta e diretto dai gemelli Albert ed Allen Hughes, scambiato per storia apocalittica poco riuscita mentre invece è un caso di “bibliofilia futura”. (Mascherata ovviamente dai distributori italiani, che hanno buttato a casaccio un “codice” perché dopo Dan Brown è una parola chiave per tutto.)

A mio modesto parere l’errore del film è lasciare i colpi di scena alla fine, quando cioè gli spettatori si sono belli che annoiati perché non sta succedendo niente: quando si capisce il vero argomento del film… ormai è troppo tardi.
Permettetemi dunque un consiglio: rivedetevi il film dopo aver saputo che il protagonista è cieco… Lo so, vi ho trascinati in uno spoiler ma mi ringrazierete: scoprirete che ogni fotogramma di Codice: Genesi è un’opera d’arte, studiato apposta per non far capire che il protagonista è un non vedente e per spiegare il rapporto di un cieco con i libri.

Forse che lo sceneggiatore pensava a Borges, a cui Dio regalò la Biblioteca e il Buio per non poterla leggere? Visto che il messaggio del film è fortemente religioso ne dubito, dato che il Maestro di Buenos Aires non parlava così tanto di Dio quanto piacerebbe agli americani.
Più facile che il film sia nato da una scintilla che proviene dalla fine di Fahrenheit 451 di Ray Bradbury, dove per non essere scoperti dalla polizia ad usare libri, delle persone diventano opere letterarie.
Ecco l’altro spoiler che vi regalo: il protagonista è la Bibbia. Che ne porti una copia con sé è del tutto secondario: lui la sa a memoria, quindi lui è la Bibbia. Ora rivedete il film… e mi ringrazierete. (E se non l’avete mai visto, fidatevi: ora che sapete questi elementi scoprirete un piccolo gioiello, e non la solita caciarata apocalittica alla Mad Max.)

Gary Oldman con una biografia di Mussolini

Gary Oldman con una biografia di Mussolini

Eli (Denzel Washington) e Carnegie (Gary Oldman) sono uomini del Libro: il primo lo impersona, il secondo lo cerca. Carnegie cerca il Libro (che ovviamente per gli americani è uno solo, la Bibbia) perché sente il potere che emana: allargando il discorso, esulando cioè dal film, possiamo dire che sente il potere della Parola creatrice.

Quando un suo sgherro si lamenta per tutto l’inferno che sta scatenando il suo capo, «tutto per una merda di libro», Carnegie esplode:

Non è una merda di libro! È un’arma: un’arma rivolta ai cuori e alle menti dei deboli e dei disperati. Ci darà il controllo totale!
Se vogliamo comandare più di una piccola cittadina del cazzo, dobbiamo averlo. Le persone arriveranno da ogni dove, faranno esattamente quello che dico loro… se le parole provengono da quel libro.

Così, alla ricerca delle “parole giuste”, Carnegie diventa il solito classico cattivo dei film apocalittici, alla guida di una banda di assassini e tagliagole e protagonista di tutta la parte noiosa dell’opera: tutta roba già vista un miliardo di volte e senza alcuna ispirazione. Ma già solo il suo debole per la Parola è un’idea intrigante.

Neanche una guerra nucleare ci libererà del Codice Da Vinci...

Neanche una guerra nucleare ci libererà del Codice Da Vinci…

Chiudo con la parte “Books in Movies“, ricordando che la questione è già stata analizzata dal blog Libri nei film.
Carnegie manda i suoi sgherri in giro per le città a cercare qualsiasi libro sia sopravvissuto alla guerra, e così si ritrova sul tavolo cose svariate.

Oprah Winfrey sopravviverà all'Apocalisse!

Oprah Winfrey sopravviverà all’Apocalisse!

Come si vede dalle foto, gli sgherri di Carnegie gli hanno portato un Codice Da Vinci di Dan Brown, un Oxford Dictionary of American e il Diario di Anna Frank. Di sicuro una scelta molto varia di cultura popolare…

L.

Annunci
 
5 commenti

Pubblicato da su dicembre 23, 2015 in Books in Movies

 

5 risposte a “Codice Genesi: bibliofilia futura

  1. theobsidianmirror

    dicembre 23, 2015 at 7:57 am

    Uno spoiler che ci sta. Questo film non avrebbe avuto per me alcuna possibilità fino a 5 minuti fa… adesso invece qualcuna (piccola) ce l’ha.

    Liked by 1 persona

     
    • Lucius Etruscus

      dicembre 23, 2015 at 8:00 am

      Contento di averti intrigato: se guardi il film ora, che sai questi spoiler, vedrai che te lo godrai di più 😉

      Mi piace

       
  2. Cassidy

    dicembre 23, 2015 at 9:34 am

    Gary che fa il cattivo, Denzel che fai l Ken Shiro nero, almeno un omaggio a “Furia Cieca” citazioni bibliche, Mila Kunis, non è tutto perfetto, ma a me è piaciuto un sacco 😉 Per il titolo Italiano disgraziato, hai spiegato tutto alla grande tu… Gran commento Lucius! 😉 Cheers

    Liked by 1 persona

     
    • Lucius Etruscus

      dicembre 23, 2015 at 9:37 am

      La prima volta mi è piaciuto ma mi ha lasciato confuso, rivisto – sapendo i colpi di scena – mi è piaciuto moooolto di più!

      Mi piace

       

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: