RSS

[Pseudobiblia] Magnum She Wrote: auguri Angela Lansbury!

16 Ott

84_magnum-gialloOggi, 16 ottobre, la londinese Angela Lansbury compie 90 anni: per festeggiare la Signora in Giallo, ecco la storia di quando lavorò fianco a fianco… con Magnum P.I.!

MAGNUM SHE WROTE

Come si sa, Thomas Magnum (Tom Selleck) è un investigatore privato libero professionista che però, teoricamente, è al servizio del riccone Robin Masters – che non si vede mai – e suo responsabile della sicurezza nella villa hawaiiana protagonista della serie televisiva Magnum P.I. (1980) creata dal mitico Donald P. Bellisario. Questa è tenuta da Jonathan Higgins (John Hillerman), che mal sopporta Magnum e i due non perdono occasione per stuzzicarsi a vicenda.
Nel 1986 la serie si gemellò con un’altra serie storica, La Signora in Giallo (Murder, She Wrote) e ne nacque un episodio in due parti: la prima ospitata da Magnum P.I.Novel Connection, 7×08 – la seconda ospitata da un episodio della Signora in Giallo rimasto inedito in Italia per lungo tempo – Magnum on Ice, 3×08.

Il 19 novembre 1986 dunque va in onda negli USA Realtà e fantasia (Novel Connection) scritto da Jay Huguely e diretto da Harry Harris. A volte nelle schedature della serie l’episodio viene considerato il nono della stagione, ma si sa che a seconda di chi fa la lista la numerazione cambia: io mi sono affidato all’IMDb.

84_MagnumFletcher_ARicordo che il ricco e misterioso Robin Masters è uno scrittore di successo, e in questo episodio scopriamo il titolo di due dei suoi libri: Echi di un’estasi (Echoes of Ecstasy) e Il fruscio del serpente (Serpent’s Whisper).
Invita alla sua tenuta tre scrittrici ma due di loro scompaiono subito. La terza, Pamela Bates (Dorothy Loudon), si rifiuta di far investigare il rude Magnum sull’accaduto e ha chiamato alla tenuta «un investigatore che proviene dal controspionaggio».
In realtà ad arrivare in aiuto di Pamela è niente meno che Jessica B. Fletcher (Angela Lansbury), la mitologica Signora in Giallo. «Se conosco J.B. Fletcher? – esplode Magnum. – È una famosa serie televisiva, giusto? Ma credevo che fosse uno scrittore… Insomma, se lei è la J.B. Fletcher che conosco io, mi sorprende che sia una donna… credevo che lui fosse una lei e che questa lei fosse anche un’investigatrice…»

Come risalta subito chiaro, i traduttori italiani si sono premurati di far sapere agli spettatori che la donna è la protagonista di una serie TV, ma poi il discorso sballa: se appare in TV, come faceva Magnum a crederla un uomo? Ovviamente perché J.B. Fletcher è la firma con cui la Signora in Giallo firma i propri romanzi, pseudobiblia scritti all’interno del longevo telefilm. Non è un gioco di metatelevisione: il personaggio di Magnum legge i romanzi di J.B. Fletcher, credendola uno scrittore uomo… non guarda mica in TV La signora in giallo! (Lo dimostra il fatto che l’episodio si chiude con Tom che legge Jess!)

Di tutt’altra accoglienza è quella di Higgins, letteralmente sopraffatto dall’incontro con la signora Fletcher, la quale dalla semplice osservazione del terriccio che ricopre l’uomo in tenuta da giardiniere capisce che si sta prendendo cura dei Cymbidium (un tipo di orchidee).

84_MagnumFletcher_bLo scontro tra Magnum e la Fletcher è di stile: un investigatore d’azione e una fine osservatrice romanziera usano metodi ben diversi per giungere alla verità. «Dovevo ammettere che non le mancavano le qualità – afferma Magnum fiuori campo. – Se è lecito per un romanziere servirsi di indizi non rilevanti, nel processo creativo un vero criminologo ha bisogno di indizi che abbiano una relazione con una relativa realtà e… be’, avete capito, no?»
Magnum ha le idee chiare!

L’episodio si chiude con l’investigatore che uccide il cattivo con un proiettile in petto: dissolvenza, battuta finale e fine. Ma la storia non è finita, anzi ci sono molti spunti lasciati volutamente in sospeso: il terreno è pronto per un episodio de La signora in giallo.

La puntata Murder on Ice (3×08) è rimasta misteriosamente inedita in Italia per decenni, malgrado il telefilm venga replicato all’infinito: forse si temeva che gli spettatori non avrebbero capito che la storia era iniziata in un altro telefilm? Eppure c’è un più che esplicativo riassunto iniziale…
Comunque il telefilm vede il succedersi di Rober E. Swanson alla sceneggiatura e Peter Crane alla regia: trattandosi di un serial completamente diverso deve seguire regole tecnico-stilistiche diverse. Così il cadavere che chiudeva l’episodio di Magnum P.I. ha ora un bel foro di proiettile nella schiena (magia di quei falsi finali che facevano impazzire la Annie Wilkes della Misery kinghiana!) e il buon Thomas viene accusato su due piedi di omicidio di primo grado: starà all’arzilla Fletcher indagare con il suo solito stile e risolvere tutta la vicenda.

84_MagnumFletcher02Come succede nei crossover, ognuno è padrone a casa sua: in Magnum P.I. Thomas fa tutto e la Fletcher è una strana ospite un po’ curiosa; ne La signora in giallo la scrittrice è regina della storia e l’investigatore se ne sta quasi sempre dietro le sbarre, uscendo in tempo per la scena d’azione finale: pretendere che la Jessica saltasse addosso a un cattivo armato di pistola era decisamente improponibile.

L’unico riferimento librario di questo episodio lo troviamo quando i due protagonisti si incontrano fuori dal carcere. «Ho finito il tuo libro, Jessica», dice Magnum… ma quando l’ha letto?
È vero, l’episodio precedente si chiudeva con lui che si gustava il romanzo Gli omicidi dell’ombrello (The Umbrella Murders) – pseudobiblion della Fletcher che tornerà più avanti nella serie – ma quello era un falso finale, visto che invece l’uomo viene arrestato subito per omicidio. Un indizio viene dal fatto che in un’inquadratura si nota che nella cella dove giace Magnum c’è un libro senza copertina sul letto: che oltre all’arresto la polizia delle Hawaii costringa i detenuti a leggersi i romanzi della Fletcher? Non è una chiara violazione dei più basilari diritti umani?

«Credevo che Dashiell Hammet fosse più il mio genere – è comunque il giudizio del rude investigatore, – ma mi piace il tuo modo di ragionare».
«Lo prendo come un complimento» risponde la Fletcher sorridendo.

84_UmbrellaMurdersL.

Annunci
 
3 commenti

Pubblicato da su ottobre 16, 2015 in Pseudobiblia

 

3 risposte a “[Pseudobiblia] Magnum She Wrote: auguri Angela Lansbury!

  1. Cassidy

    ottobre 16, 2015 at 6:21 am

    Auguri Angela! 😉 Me lo ricordo bene questo episodio di Magum P.I. uno strano “Crossover” per dirla come direbbero parlando di fumetti Americani 😉 Cheers!

    Liked by 1 persona

     
    • Lucius Etruscus

      ottobre 16, 2015 at 6:37 am

      Io non l’avevo mai visto, e quando anni fa scrissi questo pezzo era ancora inedita la seconda parte: è stato divertente vedere la Signora e l’Omaccione baffuto ^_^

      Mi piace

       

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: