RSS

Odiare i libri. Carta straccia

27 Ago

Misobiblia_AQuesta è una triste storia di misobiblia (“odio per i libri”) che risale a ieri mattina: giuro che quanto racconterò è tutto vero.
Anticipo che ha un piccolo lieto fine a sorpresa.

Ieri mattina scendo a smistare la spazzatura e mi ritrovo immobile davanti al cassonetto della carta. Non parlo del nuovo sistema di differenziata, bensì delle campane di vario colore in cui la gente butta di tutto sbagliando sempre l’obiettivo.
La campana della carta è piena di libri. Non è un modo di dire: è letteralmente piena di libri.

Da me capita spesso di trovare libri nella campana della carta, soprattutto in primavera. La gente fa le pulizie di Pasqua e si libera della roba inutile, e i libri sono questo per gli italiani: roba inutile. (Ad eccezione di quel 14% di forti lettori, mosche bianche in un Paese nero.)
Sto sempre con gli occhi “appizzati” e spesso ho trovato qualche libro da portarmi via, da regalare (senza citare la provenienza!) o da provare a rivendere su ComproVendoLibri.it: prezzi simbolici giusto per vedere se questi “libri infranti” posso piazzarli a chi è disposto ad amarli.
Stavolta però il livello è alto. Alto di brutto.

Vedo delle copertine e allungo la mano. Sotto quei libri ci sono altri libri. E sotto quei libri ci sono altri libri. E altri libri. E altri libri…
In breve mi rendo conto che c’è una intera biblioteca infilata nella campana della carta!

Sono le 9 di mattina e già fa un caldo della malora, ma io inizio a sudare per un altro motivo. Voglio tutto… voglio tutti quei libri!
Comincio a ravanare: perché non esco mai con una busta in tasca? Che domanda assurda: saranno centinai di libri, che ci faccio con una busta?
Continuo a ravanare. Una corposa raccolta di poesie di Oscar Wilde, roba rarissima perché di questo autore ristampano tutto tranne che le poesie: maledizione, questo lo voglio ma pesa due chili!
Meridiani di Shakespeare… Signore, perché mi doni tanta carta ma poche mani per raccoglierla? Hemingway, Nietzsche, Russell, Canfora, saggi storici, filosofici e religiosi. Oddio, sto per sentirmi male! Chi è quel pazzo che ha buttato via un tesoro del genere? Ma soprattutto… come faccio a portarlo via, se dopo un minuto ho già addosso una pila di dieci libri che si regge per puro miracolo?

Il destino ultimo di tutti i libri cartacei...

Il destino ultimo di tutti i libri cartacei…

Intanto si avvicina un tizio e chiede se hanno buttato dei libri. Visto che c’è un cassonetto pieno di libri, mi sembra quanto meno una domanda inutile al quadrato, e già mi urto: in realtà temo che sia un’altra jena come me pronta a spolpare quella splendida carogna di carta. Si avvicina e comincia a ravanare pure lui: maledizione, possibile che ho beccato un lettore in un paese di analfabeti? Sicuramente ora mi fregherà delle chicche da sotto il naso.
E perché ora questa macchina ha parcheggiato così vicino?

Quando riemergo dalla mia naturale asocialità, focalizzo la situazione: il colpevole, secondo antica tradizione, è tornato sul luogo del delitto. La macchina si è fermata perché ci sono altri libri da buttare. Tanti altri libri: tantissimi altri libri.
«Interessano libri?» chiede una signora dall’abitacolo di guida. Può una domanda essere più bella?
Accetto subito, e un secondo dopo la signora scende dal minivan, fa il giro ed apre il retro dell’auto… dove decine e decine e decine e decine di cadaverini di carta giacciono avvolti in buste di plastica. Come accidenti li porto via questi libri?
Mi rendo conto che la soluzione è semplice: sono tutti imbustati, quindi potrei portarli via con le buste. Ecco quindi lo scambio di battute più incredibile dell’anno:

– Posso portare via i libri con le buste?
– No: le buste ci servono.

Un romanziere o un drammaturgo non avrebbero mai potuto scrivere una risposta più geniale: le buste ci servono. I libri li buttiamo via a quintali, ma le buste di plastica ci servono. Ogni libro che buttiamo costa come un milione di buste di plastica, ma le buste di plastica ci servono…
Se oggi edificassero una nuova Biblioteca di Alessandria, ci infilerebbero solo buste di plastica…

Il tizio che ravanava con me comincia ad impicciarsi troppo, il mio senso di bibliomane antipatico vibra: devo trovare una soluzione, e devo trovarla ORA.
Maledizione, ma sono sotto casa mia! Se mi aspettate un minuto torno con la mia auto e metto tutto nel portabagagli. Non farei in tempo a portare i libri a casa: mi ruberebbero sicuramente qualcosa…

È una fantasia irrealizzabile, stiamo parlando di un migliaio di libri: non entreranno mai nel mio portabagagli, ma devo provare.
Corro come un pazzo con ancora in mano una pila di libri, raggiungo l’auto e mi fiondo dentro come uno dei Duke: dal finestrino! Accendo e sgommo e parto alla Fast and Furious… ma dopo mezzo metro devo fermarmi perché c’è il solito demente che va a 5 all’ora e occupa la strada mentre parla al cellulare. (Il 99% degli automobilisti di Roma è così.)
Finalmente arrivo, parcheggio di schifo, apro il portabagagli e comincio a spalar dentro libri come se fosse carbone in una locomotiva.

Il mio timore è che in mia assenza il tizio abbia messo le sue fosche mani su delle chicche che l’Universo aveva destinato a me, invece lo trovo con un gran sorriso a sfogliare una ingente pila di guide regionali. (Quelle rosse del Touring Club.) Ottimo, è uno di quelli che gira per paesi: ecco, bravo, gira al largo e non toccare i miei libri…

La signora è gentilissima e comincia a riversare libri direttamente dalla sua auto alla mia, stando sempre attenta a non rovinare le buste di plastica. Al che offro la ricompensa più ridicola della storia: tiro fuori dall’auto una busta del supermercato e la offro al figlio della signora. Da grandi amanti delle buste, sapranno apprezzare il gesto.

— La volete una busta di plastica?
— No, le buste di plastica ci servono.
— Infatti ve la regalo.
— No, le buste di plastica ci servono.

Ok, lascio stare: dev’essermi sfuggito qualcosa…

Chi è che non ha mai buttato via questa odiosa enciclopedia?

Chi è che non ha mai buttato via questa odiosa enciclopedia?

Mentre la signora infila libri nella mia auto, il figlio mi propone titoli e autori. L’enciclopedia della medicina. Oddio, avevo 12 anni quando mia madre la prese dalla signora che la stava buttando, e capito che foto di tumori non sono belle da tenere in casa l’abbiamo data via a nostra volta. Da una vita conosco gente che dà via questa orripilante enciclopedia, e probabilmente ne è stata stampata una copia sola: tutti gli italiani se la passano come rito di passaggio.
Baudelaire, i fiori del male? Naaa, è stato ristampato tante volte, non vale la pena raccoglierlo dalla spazzatura. L’enciclopedia della filosofia in un milione di miliardi di volumi? E dove me la metto? Cuba dei Gibson Brothers? Il Ramaya? Il Pippero?
Insomma, in pochi secondi tutto è diventato un mercato del libro in cui mi vengono proposti i nomi più assurdi e a me rimane la “scelta di Sophie”: i libri che rifiuto finiscono nel cassonetto!

La signora e il figlio, svuotata l’auto, se ne vanno: la campana della carta non può accogliere un solo libro in più, quindi dovranno cambiare zona per i loro scarti.
Io rimango, madido di sudore fin dentro l’anima, a ravanare per cercare chicche. Ho le mani doloranti, e solo chi ha ravanato tra i libri sa quanto faccia male.
Mi affaccio alla mia auto per versarci dentro altri libri e mi rendo conto dell’orrore: la signora mi ha riempito il bagagliaio di libri sull’induismo! Are are, are krishna, che vedanda ce faccio con decine di libri su veda, vada e venga c’è posto? Comincio così a raccogliere quintali di filosofia induista, tao e maharabahta e li butto nel secchione della carta…

Passa la gente e mi vede buttare via decine di libri dall’auto, pensando così che sono io il criminale!
Perché lo fai, disperato ragazzo mio?
Una signora si avvicina e subito le spiego la situazione.

Lei: Perché non li hanno portati alla nuova biblioteca, aperta di recente nel quartiere?
Io: Hanno aperto una biblioteca nel quartiere? Non lo sapevo: accettano libri in regalo?
Lei: Solo libri per bambini.

Ah, ecco: quindi NON accettano libri, come NESSUNA biblioteca romana accetta libri. (Li accetta solo a chiacchiere, perché se vi presentate sul serio con dei libri vi sputa.)
È una vergogna, è un crimine, dove andremo a finire? I libri non si buttano, i libri so’ pezz’e core e via con tutti i luoghi comuni sull’argomento, mentre io mi spello le dita a ravanare.
Il mio sguardo è chiaro e dice “perché non se li prende un po’ pure lei, così li salviamo?” La signora capisce e risponde: io ho il Kindle…
La signora sì che ha capito tutto: il cartaceo è roba da cassonetti, gli stessi identici libri peserebbero qualche decina di mega e non darebbero noia. Invece questi pesano decine di quintali e nessuno li vuole: e ancora mi parlano del cartaceo! (ma vuoi mettere l’odore dei libri?)

Un centinaio di libri salvati alla mattanza

Un centinaio di libri salvati alla mattanza

Ripulita la mia auto dall’induismo, non posso che tornare a svenire a casa, distrutto dal sudore, dal sole battente e dalle dita doloranti. (Dubito che possa capirmi chi non ha mai cacciato libri.)
E qui succede la magia…

La signora col Kindle giustamente non può portarsi via le centinaia di libri rimasti nel cassonetto, ma telefona a suo marito, che chiama un amico che chiama un amico… Quando ripasso, dopo circa un’ora, la campana della carta è presa d’assedio da orde di persone, un nugolo di formiche librarie che stanno spolpando la grande balena bianca di carta.
Forse non tutti i libri andranno salvati, ma molti stanotte dormiranno nei caldi scaffali di chi li ama: sono passato alle nove di sera, e solo una minima parte di libri è rimasta a sporcare il fondo del cassonetto. E sono tutti Gialli Mondadori, a testimonianza che questa collana è morta e sepolta, a parte la Christie…

Per finire, i libri che ho salvato li presenterò nel mio blog Gli Archivi di Uruk, ma alla fine non potrò tenere tutto.
Tenete d’occhio i vostri cassonetti!!!

P.S.
E ancora si parla di cartaceo superiore al digitale? Ma per sul serio?

L.

Annunci
 
59 commenti

Pubblicato da su agosto 27, 2015 in Libri infranti, Note

 

Tag:

59 risposte a “Odiare i libri. Carta straccia

  1. Cassidy

    agosto 27, 2015 at 6:00 am

    Te l’ho detto sei Montag 😉 Assurdo le buste di plastica sono più importanti dei libri… Un film apocalittico, con un mondo pieno di buste di plastica, non avrebbe potuto essere più angosciante. Cheers!

    Liked by 1 persona

     
    • Lucius Etruscus

      agosto 27, 2015 at 6:26 am

      Grazie della visita ^_^
      Tutta la scena era talmente irreale da sembrare la sceneggiatura di un film della Asylum 😀

      Mi piace

       
  2. Infinity Sciocco

    agosto 27, 2015 at 7:51 am

    Quando una mattinata che sembra regolare sa come stupirti… E menomale per il finale, che ci regala una visione meno oscura della nostra specie! 😀

    Liked by 1 persona

     
  3. Fabrizio Valenza

    agosto 27, 2015 at 8:31 am

    Questa cosa ha davvero dell’incredibile!

    Liked by 1 persona

     
    • Lucius Etruscus

      agosto 27, 2015 at 8:32 am

      Purtroppo avviene più spesso di quanto si pensi, perché il cartaceo è un problema enorme in un paese di non lettori…

      Mi piace

       
  4. Mattia L.

    agosto 27, 2015 at 8:56 am

    Potrebbe probabilmente esserci anche una lettura comica di questa storia, ma a me invece ha angosciato parecchio. Non so come spiegarlo, ma ogni volta che apprendo di comportamenti così stupidi (e questo lo è, con così tanti libri che non le servivano anche vendendoli a un euro l’uno avrebbe potuto tirar su una piccola fortuna), ma soprattutto quando mi rendo conto di quanto sia bistrattata la cultura in questo paese, sto un po’ male 😦 .

    Liked by 1 persona

     
    • Lucius Etruscus

      agosto 27, 2015 at 8:58 am

      A starci male ci sto male anch’io, soprattutto perché ti assicuro che è impossibile venderli a 1 euro l’uno. Io vendo libri anche a 50 centesimi, li regalo, inseguo la gente per regalar libri… e non li vuole NESSUNO. Saggistica, filosofia e gialli mondadori: non esiste nessuno che li voglia, neanche a regalarli. Solo il cassonetto è il posto per loro…

      Mi piace

       
      • Mattia Ellepunto

        agosto 27, 2015 at 12:48 pm

        Io avrei detto che invece ci fosse un po’ di mercato per i libri usati, non credevo che la situazione fosse così nera. Che tristezza.

        Liked by 1 persona

         
      • Lucius Etruscus

        agosto 27, 2015 at 12:54 pm

        A parte i libri preziosi, quelli normali non li vuole nessuno, neanche a regalarli. Spero di cuore che altrove sia diverso, ma a Roma è un dramma: chi li butta sovrasta chi li compra di mille a 1!

        Mi piace

         
  5. theobsidianmirror

    agosto 27, 2015 at 11:49 am

    Mioddio! Ma a me non capitano mai queste botte di culo? Se fossi stato lì con te, puoi giurarci, avresti avuto dei seri problemi a difendere il tuo bottino. Nemmeno i gialli Mondadori senza copertina e unti d’olio ti avrei lasciato.
    Forse farei meglio, quando butto la carta, a dare una sbirciata anche nei bidoni adiacenti… tanto più che quando passo a buttare la spazzatura sono già dotato di automobile con bagagliaio XXL.

    Liked by 1 persona

     
    • Lucius Etruscus

      agosto 27, 2015 at 11:52 am

      Controlla sempre, perché i “buttatori di libri” sono tanti!
      E credo proprio che avremmo litigato assai davanti alla pila di libri ^_^

      Mi piace

       
      • theobsidianmirror

        agosto 27, 2015 at 11:53 am

        Lo farò di sicuro. Anzi, ho già l’ansia….

        Liked by 1 persona

         
      • theobsidianmirror

        agosto 29, 2015 at 9:04 am

        Sono sue giorni che frugo nei cassonetti della carta ma… niente. Temo che dalle mie parti nessuno butti libri… ma non perché li conservano… scommetto che è perché non ne hanno mai avuto uno.

        Liked by 1 persona

         
      • Lucius Etruscus

        agosto 29, 2015 at 9:06 am

        ahahahah facile che sia quello il motivo ^_^ Ormai non è stagione, ma la primavera prossima la gente ripulirà le cantine e butterà via chili e chili di libri: beware the cassonets! 😀

        Mi piace

         
  6. loscalzo1979

    agosto 27, 2015 at 1:09 pm

    Cavolo, mi hai incuriosito, per fortuna (o forse no) dalle mie parti tutti i comuni limitrofi a me fanno raccolta porta a porta e le biblioteche ancora donazioni le accettano

    Liked by 1 persona

     
  7. Claudio

    agosto 27, 2015 at 4:34 pm

    Forse basterebbe scrivere sulle campane “piccole librerie”, così non li stai veramente buttando e nessuno dovrebbe angosciarsi per la cultura…

    Liked by 1 persona

     
  8. Claudio

    agosto 27, 2015 at 4:40 pm

    Pensate che in altro universo qualcuno ha scritto un post di “misobustia”, in cui una persona ravana nei cassonetti e svuota le buste dell’immondizia per salvarle e portarsele a casa!

    Liked by 1 persona

     
    • Lucius Etruscus

      agosto 27, 2015 at 4:42 pm

      Ahahah l’universo alternativo della plastica, dove le buste sono avvolte nei libri 😀

      Mi piace

       
  9. Ivano Sato

    agosto 28, 2015 at 8:19 am

    Le buste sono contenitori potenziali di beni, quindi non di libri, così nasce quella che magnificamente chiami bustofilìa 😉 Sai quali libri possono competere con gli ebook? Le collane di volumi rilegati che vendono in edicola. Sono da consultare, quindi nessuno potrà mettere in imbarazzo il proprietario chiedendo se li ha letti tutti, e soprattutto sono in tinta tra loro e di dimensioni omogenee. Nella legatoria/tipografia dove lavorava mio padre, un signore fece rilegare tutti i giornali di gossip per riempire la libreria appena acquistata. Sono sicuro che quei volumi in tinta con la libreria sono ancora un pezzo agognato della sua eredità, insieme alla libreria naturalmente. Come le tigri di porcellana che si vendono a coppie… 😉

    Liked by 1 persona

     
    • Lucius Etruscus

      agosto 28, 2015 at 8:25 am

      Che splendida arte, la legatoria, purtroppo ormai dimenticata: in effetti chissà quanti l’hanno utilizzata solo per arredamento!
      Si avvicina settembre e le edicole scoppieranno di primi numeri di collane librarie, fiumi di carta pronta per nuovi cassonetti e nuove buste di plastica… a meno che non siano finemente rilegati 😛

      Mi piace

       
  10. Errabondo

    marzo 12, 2016 at 7:46 pm

    Hai fatto benissimo. Molto divertente l’articolo anche se mi hai fatto mangiare le mani, non poco tempo fa avevo trovato la campana della carta sotto casa mia piena di libri, ho sbirciato ma poi ho desistito potendo vedere qualche vicino invece a conti fatti non c’è nulla di male anzi è lodevole riciclare soprattutto dei libri.

    Liked by 1 persona

     
    • Lucius Etruscus

      marzo 12, 2016 at 8:14 pm

      La prossima volta prendili senza remora, che magari trovi belle chicche o comunque libri da far girare 😉

      Mi piace

       

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: